Giuseppe Lupo, Il pioppo del Sempione (Aboca, 2021)

image_pdfimage_print

«Solo guardando all’intelligenza del mondo vegetale, alle sue straordinarie qualità sistemiche il genere umano potrà comprendere che il rispetto della natura altro non sia che il rispetto verso sé stessi»: sono le parole di presentazione della collana “Il bosco degli scrittori” edita da Aboca. Libri che esplorano il rapporto tra scrittura e ambiente, invitando alcuni tra i più interessanti e consapevoli autori italiani contemporanei a raccontare il mondo a partire da un albero.
È il caso, tra le novità più recenti, di Giuseppe Lupo e del suo Il Pioppo del Sempione. Centro del racconto è un’aula di scuola a Nord di Milano dove un giovane professore tiene un corso serale di italiano a immigrati di diverse nazionalità. Ma il vero motore della vicenda è un intruso, nonno Paplush (fiore di pioppo in dialetto) e la sua capacità affabulatoria. A nulla valgono i tentativi, non troppo convinti a dire il vero, del professore di riguadagnare l’attenzione dei suoi allievi. Paplush parla di Rossana, il grande amore della sua vita, degli incontri memorabili e dei fatti che diventano epica nella sua padronanza assoluta dei tempi della parola e del silenzio. Un’altra dimostrazione della capacità del racconto di tenere insieme le persone, di seminare la consapevolezza che siamo prima di tutto “stranieri” a noi stessi fino a quando ci riconosciamo parte di una comunità più grande.

segnalazione di

Filippo Scisciani
libraio di Binaria
Centro commensale del Gruppo Abele
tel. 011.537777

binaria@gruppoabele.org
www.gruppoabele.org
@binaria34

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.