L’Italia arma l’Egitto: una vergogna senza conseguenze?

Il Governo ha dato il via alla vendita all’Egitto di forniture militari per oltre 9 miliardi di euro. Sono commesse illegittime perché violano la normativa che vieta la vendita di armi a Paesi che non rispettano i diritti umani fondamentali. Occorre dunque una reazione, anche sul piano giuridico.

L’orientamento sessuale e l’identità di genere approdano in Parlamento

Orientamento sessuale e identità di genere non legittimano discriminazioni. Chi le pratica deve risponderne anche penalmente e chi ne è vittima deve essere tutelato. Questo prevede il progetto di legge in discussione a fronte del quale le polemiche di questi giorni appaiono pretestuose.

2 agosto 1980. I terroristi occulti

Sei anni dopo la strage della stazione di Bologna Norberto Bobbio analizzò, con passaggi di straordinaria attualità, il senso dello stragismo e del terrorismo nero nel nostro Paese. Gli accertamenti successivi hanno in gran parte confermato quell’analisi che è utile per tutti rileggere oggi in un altro momento di crisi della democrazia.

USA. Scenari di fantapolitica

Trump, in caduta libera nei sondaggi, dichiara di voler posticipare le elezioni presidenziali. Il rinvio è all'apparenza impossibile essendo rimesso al Congresso, a maggioranza democratica. Ma la situazione è più complessa. E si affaccia il rischio, evocato da Michael Moore, che sia abbandonata l’elezione con voto popolare del presidente.  

Quando c’era il movimento operaio. L’esperienza torinese

Nei mesi scorsi si sono ricordate, a Torino, le esperienze dei “consigli di fabbrica”, dal biennio rosso 1919-20 alle lotte del 1968-69, mantenendo aperto uno sguardo sull’oggi e sul futuro del lavoro. Il materiale riportato in questa TALPA raccoglie quelle riflessioni e una specifica documentazione.

L’acqua è un diritto, non un bene privato

Il 28 luglio è il 10° anniversario della risoluzione dell’ONU che riconosce il diritto umano all’acqua potabile e all’igiene. Eppure 2,2 miliardi di persone non sanno che cos’è l’acqua potabile, 4,2 non hanno accesso ai servizi igienici, più di 9 milioni di bambini muoiono ogni anno per malattie causate dalla mancanza di acqua pulita.

commenti

Da Hiroshima a Beirut

Il settantacinquesimo anniversario della strage atomica di Hiroshima (con 140.000 morti e sofferenze inenarrabili per i sopravvissuti) è coinciso con la terribile esplosione nel porto di Beirut. La pericolosità degli esplosivi e delle testate nucleari è evidente. Quando se ne renderanno conto la comunità internazionale e l’Italia?

Genova, 19 anni fa. E oggi?

Grandi opere. Piccole idee

controcanto

Lockdown, zone rosse e non solo: un Paese in ostaggio?

La mancata istituzione di una zona rossa nei comuni di Alzano Lombardo e Nembro e l’estensione del lockdown all’intera Italia anziché alle sole regioni più colpite dal virus fanno discutere. C’è il dubbio che la sorte di tutti noi sia stata legata a egoismi politici e a interessi economici di una parte soltanto del Paese.

Alcuni punti fermi per ripartire: ricerca, pubblico, solidarietà

Dopo la pandemia (anzi, mentre la pandemia è ancora in atto) occorrono cambiamenti profondi nello stile di vita e nel modello di sviluppo. Lo dicono tutti, a sinistra e persino a destra. Ma i fatti spesso smentiscono le parole. Eppure ci sono alcuni punti fermi. Tra questi la centralità della ricerca, del pubblico, della solidarietà.

La scuola in vacanza?

In questi mesi il dibattito sulla scuola ha assunto toni surreali e chiunque si è sentito legittimato a pontificare su tutto, dalla didattica a distanza fino alla data e alle modalità di riapertura. Intanto, per fortuna, nella scuola c’è chi, in silenzio, lavora per definire «come si riapre», ma anche «cosa si dovrà fare», una volta rientrarti.

Recovery Fund. Non è tutto oro quel che luccica

Contrariamente a quanto raccontano i media, il Recovery fund non è, per il nostro Paese, un grande affare. A cominciare dal fatto che, a fronte di 81,4 miliardi ricevuti “a fondo perduto”, l’Italia dovrà versare all’Europa una quota aggiuntiva di 96,3 miliardi rispetto ai contributi attuali. L’Europa non sembra proprio a Babbo Natale.

Braccia/1. Raccogliere la frutta nel saluzzese

«Coltiviamo la bontà» dice il messaggio pubblicitario di un’impresa del ciclo della frutta del saluzzese. Buoni con i consumatori, forse; non con i lavoratori, in particolare quelli “usa e getta”, lasciati a se stessi già nella ricerca del luogo dove dormire. Anche a causa del fallimento del progetto di accoglienza diffusa.

La raccolta di frutta a Saluzzo (e non solo): un groviglio di contraddizioni

Cosa c’è dietro le pesche pagate, al mercato di Porta Palazzo a Torino, 75 centesimi al chilo? C’è un groviglio di contraddizioni che coinvolgono un modello economico perverso, migranti di diverso “rango”, condizioni di lavoro difficili, a volte sfruttamento e caporali, supplenza di Caritas e volontari e molto altro ancora.

L’approvazione “salvo intese”, ovvero l’incertezza della politica

L’arte di governo non ha limiti come mostra l’approvazione dei decreti legge “salvo intese”. C’è da non crederci: un accordo politico, per lo più traballante, viene contrabbandato per un provvedimento legislativo, che, in realtà, viene poi scritto da “tecnici” con il controllo del solo presidente del Consiglio.

La ministra Freccia rossa

La grottesca vicenda del tentativo – auspice la ministra De Micheli – di tenere insieme distanziamento fisico e riempimento dei treni ad alta velocità ha riproposto all’attenzione il ruolo dei ministri delle infrastrutture, tradizionalmente di nessun profilo professionale e di competenza tragicomicamente tendente a zero.

Il movimento No TAV è giovane!

Al presidio dei Mulini, in Clarea, i ragazzi sfuggono alle ruspe e ai poliziotti salendo sui tetti delle baite e sugli alberi. I giovani, tantissimi, venuti su quasi all’improvviso, come funghi, si affiancano ai vecchi, tuttora attivi e determinati, in questa valle alpina per niente pacificata che continua a dire di no a un’opera inutile e assurda.

Emergenza climatica e ambientale, grandi opere, TAV

La Nuova Linea ferroviaria Torino-Lione si colloca in una visione dei trasporti vecchia e superata. Non solo. Essa non presenta alcun beneficio ambientale o climatico. Chi continua a ripeterlo o ha scelto di non capire oppure non ha, tra le sue priorità, la lotta all’emergenza climatica e la sopravvivenza delle generazioni future.

Sull’utilità e il danno dell’ombrello per la nostra vita

“Un giorno di pioggia a New York”, ultimo film di Woody Allen, torna nei cinema riaperti dopo l’intervallo della pandemia. Una storia agile e divertente con una morale semplice e provocatoria: la vita reale richiede di sapersi aprire coraggiosamente all’inaspettato, anche se, di base, non si è nemmeno in grado di uscire di casa senza l’ombrello.

Rapporto ISPRA 2020. Il cemento avanza ancora

Il Rapporto dell’ISPRA sul consumo di suolo conferma una situazione desolante. Il trend nel 2019 è continuato più o meno sulla falsariga del 2018, con circa 2 mq al secondo persi. Per un totale di 57 kmq. In (quasi) tutte le regioni. A dimostrazione del fatto che il partito del cemento è trasversale, destra o sinistra non importa.

Un urlo infinito attraversa il Mediterraneo

«Stiamo morendo» è l’urlo che arriva dai barconi alla deriva nel Mediterraneo fra la Libia e la zona SAR maltese e che si smorza nel silenzio della nostra omissione di soccorso. È un urlo straziante ma non è il solo. E resta senza risposta da parte di una politica insensibile e complice. Sia pure con qualche eccezione.

Torino. Riqualificare le case popolari

A volte si tratta di saper cogliere le occasioni. Come riqualificare le case popolari, spesso in condizioni fatiscenti o precarie? Una mozione sta girando nei consigli dei Comuni della Città metropolitana torinese: utilizzare per le migliaia di alloggi di edilizia popolare l’ecobonus energetico previsto dal “decreto rilancio”.

Svezia, “frugalità” a sinistra

In Svezia, l’opposizione al Recovery Fund ha visto inedite convergenze tra i principali partiti. A definire questa posizione, che ha visto assai pochi distinguo, hanno concorso, anche e soprattutto a sinistra, posizioni pro-rigore finanziario e posizioni contrarie a trasferimenti di risorse e potere dal livello nazionale a quello europeo.

rimbalzi

La “modernità” che farebbe impallidire Lombroso

Lombroso, pur screditato dalla scienza, rivive. In Cina, in Russia e in Israele si diffondono teorie sulla misurabilità del carattere e della personalità in base ai tratti del viso. Così, in un delirio sicuritario, l’analisi facciale e gli algoritmi si apprestano a diventare il tramite per l’individuazione precoce dei “delinquenti”.

materiali

Presente e futuro dell’epidemia

Perché l’epidemia ha effetti diversi a seconda delle zone? Perché le cariche virali sembrano diminuite mentre il virus si è reso più pericoloso? Può essere spiegato tutto con il distanziamento sociale o con il lockdown? Domande cruciali a cui risponde, in una lunga intervista, Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri.

Libia: la cooperazione complice

Cronache di ordinario razzismo