Primo Piano

View All

23 febbraio 2024: no alla repressione, no alle guerre

Oggi non è una giornata allegra. Le immagini dei telegiornali sono inequivocabili: a Pisa e a Firenze cortei di studenti inermi e con le mani alzate sono stati respinti a suon di manganellate da poliziotti in tenuta antisommossa. I manifestanti chiedevano la fine del massacro in corso a Gaza. Mentre la guerra si fa sempre più crudele, cresce la repressione. È una brutta deriva contro cui occorre reagire.

commenti

In morte di un oppositore politico

La morte in carcere di Aleksej Navalny è un marchio di infamia indelebile per Putin e per il regime russo. E impone a tutti una riflessione. Anche sul fatto che, sino a due anni fa, Putin era riverito e faceva affari con l’intero Occidente. Come, oggi, Al-Sisi ed Erdogan. È ipocrita e riduttivo accantonarlo senza chiedersene il perché e ignorando che, contro l’empietà delle dittature, non bastano pallide post-democrazie.

controcanto

Messina: l’inganno del ponte

Su impulso del ministro delle infrastrutture Salvini è tornato all’ordine del giorno il ponte sullo Stretto. Al di là della propaganda e delle chiacchiere ministeriali, il progetto del ponte rappresenta un grande inganno a danno dell’intera comunità nazionale, particolarmente grave perché la sua realizzazione sarebbe sotto molti punti di vista devastante, soprattutto per Calabria e Sicilia.

Riportare in Libia i naufraghi raccolti in mare è un reato

La Cassazione, definendo il processo a carico del comandante della nave Asso 28, ha stabilito che, non essendo la Libia un posto sicuro, costituisce reato per qualunque imbarcazione riportarvi i naufraghi raccolti in mare e che è infondata l’accusa alle navi delle ONG di non chiedere il coordinamento dei soccorsi alla Guardia costiera libica.

La sinistra e l’Europa: se si è insieme è bene, ma se si è chiari è meglio

Nel giro di pochi anni sono diventate emergenze quotidiane questioni che pensavamo estranee all’Europa, fino ai nazionalismi e alla guerra. Ma di tutto questo sembra che abbiamo perso cognizione. Su questi temi, invece, deve misurarsi la sinistra, nella consapevolezza che l’unità è un valore, ma ancor più conta la chiarezza.

La Via Maestra: punti fermi per un’alternativa culturale e politica

Il messaggio del “cartello” de La Via Maestra è esplicito: un’alternativa alla destra è necessaria e possibile. Occorre, peraltro, partire dal ribaltamento del “senso comune” rimettendo al centro il welfare e le politiche di contrasto delle povertà e di riduzione delle disuguaglianze, valorizzando la progressività fiscale, riducendo le spese militari.

L’effervescenza del quotidiano. “I segreti di tutti” di Benedetto Saraceno

Nella pregevole attività letteraria di Benedetto Saraceno si stagliano, da ultimo, “I segreti di tutti”. 30 storie, vicende all’apparenza semplici, di vita quotidiana, di gente comune: ognuno di noi potrebbe essere un personaggio di queste pagine, il cui fascino consiste nella percezione del non detto, nella discrezione del racconto.

Il sogno di Renzo

Nel momento in cui si assiste alla presa di coscienza da parte delle nuove generazioni della necessità di impegnarsi in difesa della natura, è fondamentale riandare alla figura di Renzo Videsott, protagonista della salvezza dello stambecco, direttore del Parco Nazionale del Gran Paradiso e figura chiave nella costruzione dell’ambientalismo moderno, in cui il naturalismo è integrato dall’impegno sociale e politico.

“Prima i piemontesi”: casa e propaganda politica

Il Consiglio regionale piemontese vara una legge per l’assegnazione delle case popolari. In essa – si dice – saranno privilegiati i residenti in Piemonte da 15, 20 o 25 anni. Poco importa se la Corte costituzionale ha ripetutamente escluso che la residenza prolungata possa aver un peso decisivo al riguardo. Le elezioni sono vicine e quel che conta è sfruttare l’occasione per fare propaganda politica sulla pelle dei più deboli.

La sinistra in stallo verso le europee

La sinistra cosiddetta radicale si presenterà divisa alle elezioni europee. È un esito inevitabile, nonostante gli appelli e le buone intenzioni di alcuni, perché è arduo, se non impossibile, tenere insieme nomi, sigle e personalità che parlano linguaggi eterogenei, pur avendo spesso provenienze comuni. L’ennesima ritirata dovrebbe almeno insegnare che un nuovo progetto a sinistra non può nascere sul terreno elettorale.

Un nuovo conflitto nel mar Rosso

Gli attacchi degli Houthi contro navi legate a Israele nel Golfo di Aden e nel Mar Rosso hanno aperto un nuovo confitto. Nell’incertezza delle risposte legittimate dal diritto internazionale, l’Unione Europea si è orientata su azioni di difesa delle imbarcazioni in transito mentre Usa e Regno Unito hanno risposto bombardando postazioni militari terrestri in Yemen. Crescono così i rischi di escalation.

Europa. Una colossale esercitazione della Nato contro il “nemico russo”

Mentre in Ucraina la guerra continua a oltranza, la Nato lancia, ai confini con la Russia, una colossale esercitazione che coinvolgerà 90.000 uomini, 50 navi da guerra, oltre mille mezzi blindati. L’obiettivo, oltre che militare, è politico e psicologico: gli europei devono abituarsi alla possibilità di ulteriori conflitti sul loro territorio.

La saga di Sam Altman, l’intelligenza artificiale e la vittoria del profitto

La vicenda del licenziamento e dell’immediata riassunzione del leader di OpenAI Sam Altman nasconde lo scontro tra chi considera l’intelligenza artificiale un leviatano che deve essere tenuto a bada e chi la ritiene semplicemente un nuovo strumento tecnologico da utilizzare senza limiti. Hanno vinto questi ultimi e la legge del profitto.

Riforma fiscale: “lasciate che i ricchi vengano a me”

Questa, in sintesi, la riforma fiscale: se sei povero, non hai sconti fiscali; se hai un reddito basso, risparmi di più quando il tuo reddito si avvicina a quello medio; se hai un reddito medio-alto, hai il risparmio maggiore; se hai un reddito alto, lo sconto diminuisce quando hai maggiori spese: se hai un reddito altissimo, hai lo sconto pieno. La domanda è ineludibile: è incapacità o malafede?

Rimbalzi

View All

Israele. «Sono ancora vivi»: il silenzio delle carceri è rotto solo da chi esce

Dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre ci sono, nelle carceri di Israele, 6.220 arrestati tra cui 70 donne, 200 bambini e 50 giornalisti. Da allora, le visite dei familiari sono sospese. Si sa di oltre 10 morti in carcere. Per il resto le informazioni vengono solo da chi esce e parlano di torture, pestaggi, ossa rotte, fame, persino violenze sessuali.

Andiamo al cinema

“Suspiria”. In Germania va in scena la favola del male

Torna nelle sale, in versione restaurata, “Suspiria”, il film del 1977 che vide il passaggio di Dario Argento dal thriller all’horror. Poco compreso all’atto della sua uscita, il film è pieno di dissonanze e di apparenti incongruenze che rimandano al nazismo e all’attualità e hanno sullo sfondo una domanda: davvero il male può essere considerato semplicemente un disvalore morale?

Libraria

View All

Giulia Vola, Fallisci e sei morto (Acquario, 2021)

Parte da Torino il viaggio di Giulia Vola in giro per il mondo: nove mesi, un milione e 199mila passi, mille e cento chilometri per riallacciare fili di sogni cominciati in Bangladesh, nelle Filippine, in Giordania, in Marocco, in Egitto, in Burkina Faso, in Colombia, in Bolivia, in Ecuador, in Perù, a Hong Kong. Per raggiungere i paesi di origine, le famiglie, gli amici di persone conosciute a San Salvario.

Spazio aperto

I trattori trattano ma i mercati maltrattano

“La rivolta dei trattori” segnala le contraddizioni del modello di sviluppo neoliberista. Per questo le pur doverose azioni di tamponamento (tassazioni, dazi, politiche creditizie, sovvenzioni ecc.) non bastano e sono solo un pannicello caldo. Le vere questioni a cui si dovrà por mano sono il tipo di agricoltura a cui si guarda e chi deve pagare la non più rinviabile transizione ecologica.

Materiali

Più diritti meno razzismo. Una guida pratica

Ci sono, sul territorio, molti servizi e sportelli contro il razzismo e le discriminazioni. Ai loro operatori è destinata la guida predisposta da Cospe e Lunaria, utile peraltro per tutti e tutte. Vi si trovano non solo le nozioni fondamentali (razzismo, discriminazioni, molestie, discorsi e reati a sfondo discriminatorio) ma anche l’indicazione delle norme civili e penali di riferimento e la presentazione di alcuni casi pratici.