Sistema proporzionale e democrazia

Forse la convivenza con Salvini nel governo delle banche e delle mimetiche crea qualche disagio in settori del Pd e del M5S. Se è così e si vogliono porre le basi per un’alternativa, c’è una strada: un accordo per una legge elettorale proporzionale, che consenta di portare in Parlamento gli interessi di tutti e di restituire senso alla democrazia.

La stupidità umana e il nostro futuro

Stiamo segando l’albero sul quale siamo seduti. Abbiamo privatizzato le risorse naturali, l’acqua e la terra. Abbiamo permesso che ogni cosa sia soggetta a proprietà e a brevetti, persino i farmaci salva-vita e i vaccini. Tutto si può comprare nel mercato globalizzato. Non v’è, in ciò, nulla di naturale. Ad eccezione della stupidità.

Ankara val bene uno schiaffo

Lo sgarbo di Erdogan verso Ursula Von der Leyen è stato pesante e ostentato. Ma ‒ c’è da esserne certi ‒ provocherà, al massimo, qualche stizzita reazione verbale. Come accade per le ben più gravi violazioni dei diritti umani. Gli affari sono affari e l’Europa ingoierà il rospo di buon grado.

Draghi in Libia: nulla è cambiato rispetto alla linea Minniti-Salvini

Il presidente del Consiglio Draghi esprime “soddisfazione” per le azioni della Guardia costiera libica contro i migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo e promette ulteriori aiuti e assistenza. Come se ignorasse i lager, le violenze, le torture. Meglio gli affari che i diritti umani.

Crema non volta le spalle a Cuba. Una lettera della sindaca

Un anno fa 52 medici e infermieri cubani sono arrivati in soccorso di Crema, piegata dalla pandemia. Hanno portato aiuto e soprattutto solidarietà. La sindaca della città non l’ha dimenticato e chiede al presidente del Consiglio di aiutare Cuba a spezzare l’embargo di cui è vittima.

commenti

Avidità

Da Johnson a Draghi – Il trionfo dell'”Avidità”

Il premier inglese ha detto che il successo della campagna vaccinale è dovuto “al capitalismo e alla avidità”. Non è vero, ma quello è il dogma di tutte le classi dominanti oggi, in UK, in Europa e in Italia, dove riaperture e Recovery Fund parlano in primo luogo di avidità. Ma di avidità si muore.

… di Letta e di Governo

controcanto

Scuola di classe

La scuola italiana sta per subire l’ultimo affronto. Il neoministro Bianchi, rispolverando l’armamentario della “Buona scuola” di Renzi, introduce, come elemento di valutazione e di successivo accompagnamento degli studenti, un curriculum sulle attività extrascolastiche svolte. Ovviamente da chi se le può permettere.

È possibile criticare Mattarella?

Chiudere con la pandemia

Il problema centrale non è la pandemia ma la sua gestione. Quel che si deve fare a livello planetario è chiaro, ma vi ostano interessi nazionalistici e delle case farmaceutiche che suggeriscono chiacchiere inutili e fuorvianti, fonte di una fitta nebbia conoscitiva. Così il Covid-19 si trasforma da questione sanitaria in test di democrazia.

Un’olimpiade a prova di tampone

Il Cio e gli organizzatori non hanno dubbi: le Olimpiadi 2021 si faranno regolarmente in Giappone tra il 23 luglio e l’8 agosto. Saranno in ogni caso Giochi “mordi e fuggi”, senza pubblico e finanche con l’allestimento di un Covid hotel per gli atleti positivi al tampone. Ne vale la pena? I giapponesi ne dubitano.

Processo a Lucano: va in scena l’accoglienza

Dopo un anno e mezzo di protagonismo dell’accusa, finalmente è tempo dei testi a difesa. E va in scena, anche il Tribunale, un’altra Riace, la vera Riace: luogo di accoglienza e di solidarietà in cui, come dice padre Alex Zanotelli, «Lucano ha anticipato quello che dovrebbe essere fatto dal Governo».

Le bugie del neoliberismo

Le leggi dell’economia in voga da 50 anni (in primis, l’efficienza dei mercati e l’esistenza di un equilibrio stabile) si sono rivelate sbagliate: per la decisiva ragione che viviamo in un ambiente dinamico in cui gli agenti interagiscono. Occorre costruire un nuovo paradigma. È quel che fa Mauro Gallegati nel suo ultimo libro.

Come uscire dalla crisi? Assumere nella pubblica amministrazione

I nostri dipendenti pubblici sono di molto inferiori a quelli degli altri paesi europei. Se si vuole avviare una riforma della Pubblica Amministrazione e porre le basi per uscire dalla crisi economica occorre un piano straordinario di assunzioni nel settore pubblico. Non è un sogno: basta una modesta tassa sulla ricchezza finanziaria.

Alabama: la vittoria di Amazon

A Bessemer ha vinto Amazon. La consultazione tra i lavoratori per ottenere il diritto a organizzarsi in sindacato ha visto la vittoria del no. I lavoratori della gig economy sono la nuova classe operaia ma mancano oggi di una capacità di reagire e di far rete tra loro. È un segno dei tempi che potrà essere invertito solo dal basso.

Nebbia in Val Susa: tra sassi e manganelli

La notte del 12 aprile polizia e carabinieri in assetto da guerra hanno occupato l’area di San Didero destinata ad autoporto bloccando gli accessi e tentando di sgombrare il presidio No TAV. I valsusini accorsi sono stati respinti con lacrimogeni e manganelli. Ma politici e media mainstream deprecano la violenza dei No TAV.

Pensavo fosse un treno, invece era un camion

Sitaf e Telt hanno deciso: ci vuole un nuovo autoporto, da realizzare a San Didero, per sostituire quello di Susa che deve far posto ai cantieri del Tav. Opera inutile, ma l’allegra giostra deve continuare a girare, con la protezione dello Stato e della sua polizia. Cosa importano Covid e povertà se sono in ballo 49 milioni di euro?

La lezione del 2020 e il nostro futuro: tre giorni di riflessione

Cosa è successo nell’anno passato? cosa ci è successo? cosa vorremmo che succedesse? Domande dalla risposta difficile ma su cui è necessario confrontarsi. Per farlo è nata l’idea di un “quasi festival” via web dal 16 al 18 aprile con 22 eventi e 108 ospiti. Il titolo, “La lezione del 2020. Spunti per il futuro”, promette bene.

La montagna: tra alienazione e abbandono

Di chi è la montagna? Ormai di chi abita in città e della pubblicità. I montanari “indigeni” tendono invece a emigrare in pianura. Di fatto espropriati o colonizzati, culturalmente e socialmente. Eppure, soprattutto quella “di mezzo” costituisce una superficie maggiore di quelle del Portogallo, dell’Ungheria, o dell’Austria, ignorata dai politici e di fatto abbandonata a se stessa.

Ambiente, scavando in profondità. Con l’aiuto del calzolaio Indaco

Ogni giorno aumenta la trasformazione dell’ambiente (vivente o no) in oggetti creati dall’uomo. Questa trasformazione richiede energia. Ciò che viene trasformato a lungo termine diventa rifiuto. E andiamo verso il disastro. Che fare? Non c’è alternativa: ridurre, riutilizzare e riciclare. Come facevano i calzolai d’un tempo.

Regolarizzazione e forme legali di semi schiavitù: un paradosso da evitare

La regolarizzazione dei lavoratori i stranieri prevista nel maggio 2020 procede con enorme ritardo. Così, se il datore di lavoro viene meno al suo impegno, nelle more del procedimento il lavoratore si trova nell’impossibilità di avviare un nuovo rapporto. A meno di un’applicazione diretta della convenzione n. 143/1975 dell’OIL.

Corio, Piemonte. La strage dei boschi

A Corio, piccolo paese del Piemonte situato al centro di una magnifica conca montana, è in atto il taglio di una foresta centenaria di faggi. Sembra un piccolo episodio, magari trascurabile in un’ottica globale, se non fosse che l’Italia in questo periodo è costellata di enne piccoli episodi di tal fatta che, sommati, fanno un grande disastro.

Afghanistan: finire una guerra per iniziarne un’altra?

Il presidente Biden annuncia il ritiro, entro l’11 settembre, delle truppe Nato di stanza in Afghanistan. Finalmente, dopo 20 anni di guerra! Ma intanto riparte la corsa agli armamenti, aumenta la tensione con la Russia e si ripropone una nuova guerra fredda fondata su pulsioni nazionalistiche e più incontrollabile della precedente.

rimbalzi

L’Italia, la Libia e i migranti: tra silenzi e intercettazioni

I migranti “salvati” dalla guardia costiera libica vengono rinchiusi in lager e sottoposti a maltrattamenti inenarrabili. La stampa internazionale denuncia le “coperture” dell’Italia e dell’ex ministro Minniti. Quella italiana è più prudente ma i giornalisti che indagano al riguardo vengono intercettati. È solo una coincidenza?

materiali

2020: anno di svolta per l’immigrazione italiana?

L’ultimo bilancio diffuso dall’Istat mostra che nel 2020 gli ingressi dall’estero, seguendo un trend in corso da tempo, hanno grosso modo corrisposto alle uscite. Ciò è da imputare a cambiamenti strutturali nella demografia e nel mercato del lavoro. La situazione potrà di nuovo cambiare ma queste ne sono le ragioni.

I Servizi, la sicurezza, la destra