Quale Europa dopo il Recovery fund?

Dopo un lungo travaglio il Consiglio europeo ha deciso: tutti gli Stati contribuiranno al debito europeo ma a usufruire in misura maggiore degli aiuti saranno i Paesi, come l’Italia e la Spagna, più danneggiati da Covid-19. È un vittoria dell’Europa come comunità politica ma siamo solo agli inizi come dimostra l’opposizione dei Paesi frugali

«Boicottare i prodotti israeliani è legittimo»

La discussa questione della legittimità dell’appello al boicottaggio dei prodotti israeliani è giunta di fronte alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. La sentenza è stata esplicita e netta: l’appello è legittimo in quanto volto a denunciare e contrastare le ricorrenti violazioni dei diritti umani dei palestinesi commesse da Israele.

Tre crisi americane

La radicale mobilitazione scatenata dal brutale assassinio di George Floyd incrocia le altre due linee di crisi costituite dall’emergenza sanitaria Covid-19 e dalla conseguente emergenza economica, facendo centro sulla figura di Donald Trump, la cui pessima gestione della pandemia pone una forte ipoteca sulla rielezione. Molto dipenderà dai lavoratori bianchi e dal loro voto.

Con la Palestina nel cuore

Il 1° luglio è la data fissata dal Governo israeliano per l’annessione del 30% della Cisgiordania. L’operazione è in aperta violazione della legalità e del diritto internazionale, disattende le risoluzioni delle Nazioni Unite cha hanno dichiarato illegittima l’occupazione israeliana e calpesta i diritti fondamentali dei Palestinesi.

Un’inchiesta senza fine: l’omicidio Palme 34 anni dopo

Olof Palme, il premier svedese ucciso nel 1986, è stato autentico interprete di una politica di solidarietà internazionale, amato a sinistra e odiato a destra. Ciò ha moltiplicato le richieste di verità sulla sua morte. Ma il 10 giugno scorso anche l’ultima Commissione d’inchiesta ha lasciato il caso irrisolto, limitandosi a generici sospetti.

Stati Uniti: la resa dei conti

L’omicidio di George Floyd, ennesimo nero ucciso dalla polizia, ha innescato negli Stati Uniti una rivolta sociale violenta e diffusa i cui protagonisti sono i perdenti della società, ulteriormente impoveriti dalla pandemia di Covid-19. Questa volta, insieme, neri e bianchi. Se è la “resa dei conti” saranno i prossimi mesi a dirlo.