Il voto e la sinistra nei territori No Tav

image_pdfimage_print

 

 

E’ in corso una discussione – spesso aspra – sui risultati elettorali e in particolare su quelli delle liste a sinistra del Pd. A chi denuncia una sconfitta secca di tutte le sinistre e parla di una sorta di tabula rasa per il post-elezioni, si contrappongono quanti dichiarano di “non volersi arrendere” e – soprattutto sul versante di Potere al popolo, minimizzano la portata della sconfitta con l’argomento delle difficoltà dovute all’oscuramento mediatico e alla scarsezza di tempo a disposizione, e rivendicando tuttavia una buona presenza nei luoghi dove maggiore era stata la presenza di movimenti e di lotte sociali.
Nella convinzione che sia dai dati di realtà che ogni valutazione, riflessione e discussione debba partire, offriamo qui una prima rassegna di risultati in due situazioni simbolo del conflitto territoriale: la Val di Susa con il movimento No Tav e l’asse ligure-piemontese con la lotta contro il Terzo Valico. Due schede, niente di più, su cui invitiamo a condurre la discussione e il confronto.

 

AREA DEL MOVIMENTO NO-TAV

Ecco un primo quadro del voto in Val di Susa. Anzi, nei 21 comuni della media e bassa val di Susa dove è stato particolarmente attivo il Movimento NO TAV.

A Susa, il capoluogo della valle, sede della Comunità montana che si è schierata apertamente contro la Torino-Lione, il Movimento 5 Stelle ha ottenuto il 40,1% (1378 voti), la Lega il 18,8%, il Pd (principale antagonista del Movimento NO TAV) il 13,2%, Liberi ed Eguali il 2,8% (sotto la media nazionale), Potere al Popolo l’1,4% (49 voti). I Votanti sono stati 3.739 (74,73%); le Schede non valide: 128 ( di cui bianche 31 ) le Schede contestate 0.
A Venaus, mitico comune dove nel 2015 con una combattiva manifestazione riconquistammo l’altopiano e fermammo il cantiere, il Movimento 5 Stelle ha preso il 61% (303 voti), la Lega il 17,9%, il Pd il 10,4, LeU l’1% e Pap lo 0,4% (2 voti). Qui i Votanti sono stati 592 (78,72%), le  Schede non valide 60 ( di cui bianche 8 ), le Schede contestate 0.
A Borgone, altro punto di forza della lotta contro il TAV, i 5 Stelle hanno preso il 41,2% (483 voti) contro il 18,2% della Lega e il 15,4% del Pd. Anche lì LeU si è fermata sotto la media nazionale, al 2,8%, e Pap non è andata oltre l’1,2 cioè 15 voti.
Per Pap è andata un po’ meglio a Bussoleno, il comune di Nicoletta Dosio, dove la lista ha ottenuto il 4,4% pari a 146 voti, ma i 5 Stelle hanno fatto dieci volte tanto, con 1439 voti e il 44,1%.

 

Ecco, comunque, qui di seguito la lista di tutti i comuni della Valle interessati dalle lotte:

                                                                                                  M5S                  Lega                   Pd                   Leu                      Pap                          (voti)

Almese                                                                                  37,1                 17,0                 17,7                   3,7                     1,6                       (59 voti)
Avigliana                                                                              33,7                  18,0                19,0                   3,7                     1,7                      (128 voti)
Condove                                                                              39,5                  15,8                16,2                   3,4                     2,3                        (61 voti)
Chianocco                                                                          40,0                  22,1                11,8                   3,7                     4,4                        (43 voti)
Exilles                                                                                   47,3                  15,2                10,7                  3,0                     6,1                          (8 voti)
Giaglione                                                                            41,0                 17,9                 19,9                  1,8                      3,6                         (14 voti)
Mompantero                                                                    45,7                  15,5                12,7                   3,0                     2,2                         (9 voti)
Novalesa                                                                             36,3                  24,3                11,4                  2,7                     1,8                          (6 voti)
San Didero                                                                         48,2                 20,2                 11,7                  3,9                     0,3                          (1 voto)
San Giorio                                                                           46,0                 19,4                 14,1                  3,2                      2,6                        (15 voti)
Sant’Ambrogio                                                                 44,4                 16,9                 13,8                  2,4                      1,6                        (42 voti)
S. Antonino                                                                        41,2                 15,8                 15,6                  3,1                      1,5                        (35 voti)
Villarfocchiardo                                                              40,6                  22,1                 11,4                 3,2                      1,5                       (18 voti)
Chiomonte                                                                         31,1                  26,2                  13,3                3,5                      2,0                       (11 voti)
Chiusa S. M.                                                                       41,5                  19,5                  12,2               4,9                       2,5                       (22 voti)
San Giorio                                                                           46,0                  19,4                 14,1                3,2                       2,6                       (15 voti)
Vaie                                                                                         44,8                 18,0                 11,9                 2,6                       2,8                      (22 voti)

Tot.                                                                Voti     13.178 (38%)                                                                                                                       721 (2,0%)

Alla luce di questi dati si può capire perché Alberto Perino, il leader massimo del movimento e suo stratega, aveva fatto un esplicito appello a votare 5 Stelle per dare al voto la massima efficacia. E perché la gente l’ha ascoltato.
Il M5S è ovunque sopra la sua media nazionale. In 16 comuni su 21 è sopra il 40%, in alcuni casi di molto. In un caso (Venaus) supera il 60%.
LeU nel 50% dei casi sta sotto la sua media nazionale. In tutti gli altri di poco sopra, tranne a Chiusa San Michele dove va oltre il 4%. Pap sta generalmente un po’ al di sopra della sua media nazionale, intorno al 2%, ma comunque sotto la soglia del 3% tranne in quattro casi (Bussoleno, Chianocco, Exilles e Giaglione),
Il Pd è ovunque sotto la sua media nazionale (tranne a Giaglione dove è di poco al di sopra: 19,9%, comunque sotto quella piemontese e di tutto il nord-ovest. In alcuni casi molto sotto, come a Susa (-7 punti), a Venaus (-12 punti), a Villarfocchiardo e Vaie (-9 punti)…

A questo link i risultati in Valle nel 2013.

 

 

 

AREA DELLE LOTTE CONTRO IL TERZO VALICO

 

Dal punto di vista amministrativo la realizzazione della nuova linea coinvolge i territori di due regioni, la Liguria e il Piemonte e di 14 comuni. Questi comuni, che a seconda dei casi sono interessati dai cantieri, dai campi base, dal deposito dei materiali di scavo, dal traffico dei mezzi di cantiere o anche da tutte e quattro le cose o solo alcune, sono:

3 in provincia di Genova, Campomorone, Ceranesi, Genova;

11 in provincia di Alessandria, Alessandria, Arquata Scrivia, Carrosio, Fraconalto, Gavi, Novi Ligure, Pozzolo Formigaro, Serravalle Scrivia, Tortona, Vignole Borbera, Voltaggio.

Per quanto riguarda i due comuni liguri coinvolti, sembra premiato il M5Stelle e penalizzato il Pd:

A Campomorone M5S va al 33,5, primo partito davanti anche alla coalizione di Centro-destra, il Pd al 23,2%, LeU al 5,14 e Pap allo 0,9%

A Ceranesi M5S al 36,8 (anche qui primo partito davanti anche al centro-destra), Pd al 21,8%, LeU al 4,36  (che sembra in entrambi i casi moderatamente premiata) e Pap all’1,0%.

Sul versante alessandrino, invece, la correlazione con le lotte è poco evidente e i risultati sono piuttosto random:

Ad Arquata Scrivia primo è comunque il centro-destra con la Lega al 23%, il M5S sta al 33%, il Pd al 18,6 (in linea con il dato nazionale), LeU al 4,0 e Pap al 3,0; così anche a Serravalle Scrivia, con la Lega al 24%, il M5S al 30,7, il Pd al 16,7, LeU al 3,8 e Pap all’1,2… A Novi Ligure, retrovia delle lotte contro il treno, defilato rispetto alla linea di conflitto, il centro-destra vince con quasi il 40% (39,6), ilM5S tiene sul 30,4%,, il Pd sta al 19,9, LeU prende il 3,9 (qui c’era stato storicamente un Pci fortissimo) e Pap va sotto l’1 (0,8%)…

A Carrosio il dato che stacca è il 5,22% di LeU (ma questa è la casa di Federico Fornaro, che infatti si mangia tutto l’elettorato di Pap (0,7%), per il resto primo il centro-destra con la Lega al 25,7, M5S al 32,4 (perfettamente in linea con la media nazionale), il Pd idem al 18,2%; a Gavi più o meno uguale, Lega al 27%, 5Stelle al 28, Pd al 17, LeU al 3,4 e Pap all’1,0 (finito sotto Casa Pound che prende ,’1,2); a Pozzolo Formigaro i 5Stelle fanno uno scarto verso l’alto, primi al 35,3%, Lega al 25,2, Pd crollato al 13,5%, LeU al 2,4% e Pap allo 0,6 (più che doppiato da Casa Pound che fa l’1,7%, come d’altra parte a Vignole Borbera). Fanno eccezione Voltaggio, dove caso unico arriva primo il centro-sinistra (36,6% la coalizione, 33,1%  il Pd) con i 5 stelle bassi (21,8%) e LeU alta (al 4%, mentre Pap fa l’1,8%); e Fraconalto, dove Potere al popolo prende il 5,1% (9 voti, 3 più di LeU), con il centro-destra primo al 38% (71 voti), i 5Stelle a 49 voti e il Pd al 18,8% (33 voti)…

Meditiamoci tutte e tutti. Buona discussione.

Marco Revelli

E' titolare delle cattedre di Scienza della politica, presso il Dipartimento di studi giuridici, politici, economici e sociali dell'Università degli Studi del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro", si è occupato tra l'altro dell'analisi dei processi produttivi (fordismo, post-fordismo, globalizzazione), della "cultura di destra" e, più in genere, delle forme politiche del Novecento e dell'"Oltre-novecento". La sua opera più recente: "Populismo 2.0". È coautore con Scipione Guarracino e Peppino Ortoleva di uno dei più diffusi manuali scolastici di storia moderna e contemporanea (Bruno Mondadori, 1ª ed. 1993).

Vedi tutti i post di Marco Revelli