image_pdfimage_print

Torino. Il taglio di un’alberata contro ogni logica

Il Comune di Torino si appresta al taglio dell’alberata di corso Belgio per sostituirla con alberelli alloctoni, senza consultare la cittadinanza e senza giustificare il taglio, semplicemente affermando che gli attuali aceri versano in “condizioni di criticità”. Il quartiere si oppone esigendo, almeno, una spiegazione più specifica. A mobilitarsi sono comitati spontanei e piccole associazioni. Le grandi non sono neppure più tali.

Contro il nucleare: non bastano i referendum

Si ritorna a parlare di centrali nucleari, nonostante la loro conclamata pericolosità e la loro bocciatura in ben due consultazioni popolari. Ma i referendum, se non sono accompagnati da una convinta mobilitazione, sono solo tappe di un percorso che può essere rovesciato. Per questo occorre mobilitarsi da subito, seguendo l’esempio del movimento No Tav.

Riace: sembrava ribellarsi anche il cielo

A Riace, sabato scorso, anche i fichi d’india e i vasi delle piante grasse sembravano intimoriti dal clamore, dal passaggio di tante persone. E quella casa e quella finestra da cui il sindaco si affacciava rappresentavano il centro della mobilitazione dei molti che hanno deciso di alzarsi e di scendere nelle piazze.