Non sono più gli ultras di una volta…

La fotografia del ministro dell’interno Salvini in atteggiamento amichevole con il capo di un gruppo ultras milanista è il segnale della trasformazione della galassia degli ultras intervenuta negli ultimi 25 anni: non più espressione antisistema ma fenomeno inquadrato nel sistema dominante e ad esso funzionale.

Siamo tutti Koulibaly

«Sono orgoglioso del colore della mia pelle. Di essere francese, senegalese, napoletano, uomo», così Kalidou Koulibaly, roccioso difensore del Napoli, dopo i boati e gli ululati di San Siro. È auspicabile che questa lezione di civiltà induca arbitri e dirigenti del calcio ad abbandonare pavidità e complicità col razzismo.

Elogio controcorrente di José Mourinho

Il tifo ha le sue leggi, spesso irrazionali. E non c’è connessione fra l’identità calcistica e le scelte che le persone compiono in altri ambiti. Così possiamo permetterci di apprezzare José Mourinho per il solo fatto di avere portato la nostra squadra a vincere molti “tituli”, oltretutto sfottendo gli avversari storici…

Calcio: campioni di razza

A volte basta un gesto a smontare la stupidità e il razzismo. Lo hanno fatto alcuni tra i più grandi campioni del calcio. Tra questi, Dani Alves, difensore del Barça, che, di fronte al lancio di una banana da parte dei tifosi avversari, la raccolse, la sbucciò, la osservò e la ingoiò in un sol boccone, continuando a giocare.