L’inganno della meritocrazia

image_pdfimage_print

Il governo Draghi è stato invocato come dei “capaci e meritevoli” o dei “migliori”. Ma al di là dell’evidente copertura narrativa di una realtà perfino opposta a quella dichiarata, è utile rilevare come il richiamo alla “meritocrazia” non sia stato affatto secondario nel mood della recente svolta politica. Lo dimostra la decisione di chiedere una consulenza alla McKinsey sul Recovery plan. Roger Abravanel, autore del best seller Meritocrazia, che proponeva di disseminare l’Italia di test d’intelligenza per monitorare le performance dei soggetti al lavoro, a sua volta consulente di Maria Stella Gelmini quando era ministro dell’istruzione, considera le pratiche selettive della McKinsey un modello ideale.

Nel discorso di Draghi in Parlamento è risuonato l’appello a una sorta di darwinismo sociale, volto a promuovere un debito sano diretto a premiare soltanto le imprese competitive. Maria Elena Boschi, nella discussione sulla fiducia ha messo l’accento sulla necessità di tornare a valorizzare il rischio contro la regressione a politiche assistenzialistiche. È stato nominato fra i ministri – oltre alla stessa Gelmini – Renato Brunetta, che nella riforma del 2009 della pubblica amministrazione promuoveva criteri premianti meritocratici legati alla prestazione. Infine Draghi ha chiamato come stretto collaboratore Francesco Giavazzi, che ha sostenuto la necessità di non investire sui dipartimenti universitari in difficoltà aumentando le risorse per la ricerca, bensì direzionarle sull’eccellenza e licenziare o sottopagare i docenti “incapaci”.

Tutto ciò non è casuale. Matteo Renzi ha raccolto la spinta degli ambienti confindustriali e mediatici a non mettere in discussione una politica economica tutta basata sulla stimolazione selettiva dell’offerta (aiuti alle imprese competitive) con un ritorno ad alimentare la domanda (investimenti pubblici, ammortizzatori sociali, redistribuzione). Ecco perciò la necessità di invocare un ritorno alla meritocrazia rispetto ad una politica sociale stigmatizzata come assistenzialistica (ristori a pioggia, reddito di cittadinanza etc..). La meritocrazia garantisce consenso perché rimanda a una moralizzazione della vita pubblica basata su regole certe di assegnazione delle risorse contro favoritismi e corruzione, in un depistaggio cognitivo che fa rimuovere lo sfruttamento spesso perpetrato in forme del tutto legali, all’insegna del rispetto ordoliberale delle regole del gioco della concorrenza.

In realtà il termine meritocrazia è stato inventato da Michael Young negli anni cinquanta del Novecento, in un romanzo sociologico distopico in cui la società è divisa fra un’élite di meritevoli selezionata con un sistema di testing e una massa di lavoratori manuali, tendenzialmente felici di servire in quanto il potere è appunto determinato dal merito, sebbene questo sia poi in realtà legato repressivamente ai valori produttivistici che svalutano ad esempio i meriti dei lavori di cura.

Nel suo ultimo libro Thomas Piketty spiega bene come sia potuto succedere che il lemma abbia assunto una valenza positiva: si tratta infatti di giustificare la riapertura della forbice delle diseguaglianze, ma in un contesto giuridico in cui è tutelata l’uguaglianza dei diritti. La stessa analisi aveva fatto anche Papa Francesco, in un discorso all’Ilva di Genova nel 2017: la meritocrazia colpevolizza il povero come demeritevole e deresponsabilizza il ricco nei suoi confronti, con la conseguente «legittimazione etica della diseguaglianza» e la considerazione del talento non come un dono, ma come un motivo per primeggiare sugli altri.

Questa ideologia ha basato il suo appeal sull’idea che privilegiando meriti e talento, questi avrebbero poi portato l’intera società a migliorare il suo benessere: strategia fallita per le conseguenze della finanziarizzazione per cui l’aumento dei profitti non produce né occupazione né fiscalità da trasformare in servizi. Inoltre è ormai chiaro come il ceto medio americano sia stato letteralmente ucciso dai sistemi meritocratici basati sui test di accesso ai college, determinando di fatto una società di casta.

Quando si parla di meritocrazia difficilmente si indicano quali dispositivi attuare per creare pari opportunità di partenza, né si pensa al fatto che queste ultime rimandino a una competizione che alla fine riproduce vincenti e perdenti, senza che si tuteli adeguatamente la sfera del bisogno. Quel che non va bene nella meritocrazia non è il riconoscimento del merito, bensì l’illegittima diseguaglianza di potere e diritti che da esso deriva (https://volerelaluna.it/?s=meritocrazia).

In Italia, invece, la distopia meritocratica si è insediata di nuovo nelle istituzioni, in modo più o meno dichiarato, con il sogno di un nuovo macronismo esteso anche ai sovranisti addomesticati della Lega. E sembra che il Pd ne stia per finire travolto, proprio perché non ha saputo mai scegliere fra occuparsi del bisogno e di chi sembra meritare di non averne.

L’articolo è tratto da il manifesto del 10 marzo

4 Comments on “L’inganno della meritocrazia”

  1. Mi permetto di riferire la meritocrazia come esempio di lavoratori che usano la mutua con medici compiacenti, con donne incinta lavoratrici dipendenti tutte in gravidanza a rischio senza motivazioni er sempre con medici che non si prendono responsabilità, altre lavoratrici che dono presenti sempre al lavoro. Sono di Genova e si deve notare come i lavoratori della compagnia unica hanno tenuto comportamenti di assenteismo imbarazzanti. Ecco cosa intendiamo come meritocrazia colori che vanno al lavoro e gli altri dotto mutua x interi mesi. Forse servirebbe valutare questi comportamenti molto egoistici senza filosofeggiare del fancazzismo denunciato da servizi tv. Grazie saluti

  2. Buongiorno,
    La diseguaglianza concerne anche e soprattutto il non diritto alla salute. Perché allora non confiscare le risorse.dei tante Benetton , così ome si fa con i mafiosi, per.risanare, bonificare e risarcire.

  3. meritocrazia é:

    “io sono arrivato in alto grazie al merito, quindi la meritocrazia funziona.
    se ti lavori sodo e produci di piu ce la farai anche tu…”.

    in realta il 90% della popolazione puo produrre quanto vuole, e il 10% della popolazione si pappa
    il 90% della ricchezza. se produce di piu, il 10% piu ricco lo diventa ancora di piu.

    talvolta assume anche sfumature del tipo: ” io sono ricco perche me lo sono meritato” (con un implicito: tu sei un poveraccio perche non te lo sei meritato…piangi te stesso..)

    ne consegue che se sei produttivo il mercato ti premia, se non sei produttivo il mercato ti bastona (darwinismo sociale, con parole piu eleganti) e il reddito di fannullanza adesso puoi scordartelo.

    meritocrazia piace agli ultraliberisti, “quelli che io valgo” e “il mercato ha sempre ragione”.

    piace soprattutto a quelli che sono nati in alto e in alto rimangono, come nel medioevo.

    in questo contesto, non stupisce che i liberisti aristocratici celebrino se stessi ripetendo la favola della meritocrazia.

    altrimenti come altro giustificare alle masse la loro posizione?

  4. Purtroppo la meritocrazia, in un ambiente neoliberista (calvinista, diceva Max Weber da una società ancora infarcita di religione), non premia il merito ma il successo. Chi fa meglio non merita, chi fa più soldi merita. Se il metro è la ricchezza prodotta in termini meramente monetari e non la qualità del lavoro reso la meritocrazia sarà sempre un veleno e un sinonimo di fallimento sociale, di fallimento umano. E la competitività con la quale da decenni veniamo martellati dai soloni europei altro non è che l’esasperazione del margine operativo tagliando i costi, stile austerity: meno assistenza, meno solidarietà, meno istruzione, meno cultura, meno salari… L’unico modo per risparmiare è tagliando i costi in qualità e umanità. Così, in Europa, si vince! E l’Euro non ha fatto altro che emarginare i paeasi con una maggiore socialità, un costo inaccettabile per i prestazionisti. E il popolo muore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.