Felice Besostri: l’avvocato degli elettori

image_pdfimage_print

Il giorno dell’Epifania ci ha lasciati l’avvocato Felice Besostri, già senatore della Repubblica, uomo di elevato valore umano e professionale.

È rimasta epica la sua battaglia per far ottenere agli italiani una legge elettorale dignitosa e rispettosa dei valori costituzionali che ha avuto come passaggio più esaltante, cui molti di noi hanno contribuito, come avvocati o come ricorrenti (e tra essi Gastone Cottino che, anche lui, ci ha appena lasciati) nei vari ricorsi predisposti sempre con la consulenza e la presenza di Felice, è stato quello contro la legge elettorale soprannominata Italicum, dichiarata incostituzionale dalla Corte.

Purtroppo, quel grandioso risultato, ottenuto soprattutto grazie all’impegno e alle capacità professionali di Felice, è stato reso vano dall’entrata in vigore di una nuova legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum, anch’essa non rispettosa di quei valori costituzionali che Felice ha sempre difeso. Molti di noi, scoraggiati, si sono arresi. Felice no e ha ripreso la sua battaglia, lottando per l’eliminazione di quella normativa. Battendosi, pur se ormai colpito dalla malattia, sino alla fine.

Volere la luna, che ha seguito e apprezzato la sua opera e quella del gruppo di giuristi da lui costituito, ne piange la scomparsa, prendendo come impegno quello che ci ha insegnato: non abbattersi davanti alle difficoltà e alle contrarietà e continuare a lottare.

Gli autori

Roberto Lamacchia

Roberto Lamacchia, avvocato in Torino, è presidente dell’Associazione nazionale Giuristi democratici

Guarda gli altri post di:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.