Osservatorio mensile

image_pdfimage_print

Resoconto su condizioni, diritti e lotte dei lavoratori nel mondo

Maggio 2019

Uno studio congiunto dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound), fornisce un’analisi comparata senza precedenti sulla qualità del lavoro nel mondo; pubblicato il rapporto dell’Agenzia dell’Onu per le migrazioni, IOM, sulla situazione in Libia; si prepara lo sciopero generale in Brasile contro il governo Bolsonaro; verso l’introduzione del reddito di cittadinanza in Iran; dal novembre 2016, data dell’accordo per la fine della guerriglia delle FARC, in Colombia sono stati assassinati 566 militanti e operatori per i diritti umani, tra questi numerosi sindacalisti.

 

MONDO

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO – ILO

Uno studio congiunto dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound), fornisce un’analisi comparata senza precedenti sulla qualità del lavoro nel mondo. Lo studio include l’analisi degli orari di lavoro, delle differenze retributive di genere, dell’esposizione a rischi professionali e delle opportunità formative per l’aggiornamento delle competenze.
https://www.ilo.org/rome/risorse-informative/comunicati-stampa/WCMS_697147/lang–it/index.htm
https://www.ilo.org/global/publications/books/WCMS_696174/lang–it/index.htm

AGENZIA INTERNAZIONALE PER LE MIGRAZIONI – IOM

Al 14 maggio di quest’anno si segnalano nella sola città di Tripoli 110mila migranti, di questi 3300 nei centri di detenzione. Hanno attraversato il Mediterraneo e sono giunti in Italia 1200 migranti ma 316 hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il mare e sono solo quelli censiti dalla guardia costiera libica.
Il governo italiano può farsi vanto di avere ottenuto due successi: sono sbarcati nel nostro paese solo 1200 migranti e rifugiati su 19830 mentre abbiamo il record di 316 morti su 512 per i naufragi avvenuti.
https://www.iom.int/sites/default/files/situation_reports/file/iom_libya_biweekly_update_1_15_may-min.pdf
https://www.iom.int/news/mediterranean-migrant-arrivals-reach-19830-2019-deaths-reach-512

CONFEDERAZIONE SINDACALE INTERNAZIONALE – ITUC CSI

Foto 3_06. L’attuale modello di globalizzazione mette i profitti davanti alle persone. Le regole imperfette dell’economia globale vedono i lavoratori portare a casa una quota sempre più piccola della ricchezza che creano mentre alle corporazioni è permesso estrarre, sfruttare e indebolire. Queste regole sono fatte dall’uomo e possiamo cambiarle. È tempo di un nuovo contratto sociale tra lavoratori, governo e imprese. 

Cosa vogliamo:
– Diritti per tutti i lavoratori, indipendentemente dai rapporti di lavoro che hanno.
– Salari più equi, compresi i salari minimi con i quali le persone possano vivere una vita decente.
– Più controllo dei lavoratori sul loro orario di lavoro e maggiore controllo sui loro capi per assicurarsi che non possano discriminare o eludere le responsabilità.
– Costruire la giustizia sociale nella transizione climatica e tecnologica.
https://act.ituc-csi.org/page/41987/petition/1?locale=en-GB

La Confederazione sindacale internazionale, ITUC, ha lanciato un’azione globale nei luoghi di lavoro per chiedere ai datori di lavoro di impegnarsi con i lavoratori e i loro sindacati a mettere in atto piani per le loro attività produttive rispettose del clima. Da ora fino al 26 giugno 2019, la spinta di Climate-Proof Our Work (#cPOW) vedrà i lavoratori iniziare la conversazione con le loro direzioni.
https://www.ituc-csi.org/climate-proofing-work?lang=en

Loss-making Uber’s stock market float is a bad bet on a business that is facing a precarious future, according to the world’s main trade union body the ITUC. The company is facing strike and boycott actions called by its drivers in several countries in the lead-up to the initial public offering (IPO).
https://www.ituc-csi.org/uber-ipo-is-a-bad-bet?lang=en

In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia (IDAHOT), i sindacati ribadiscono il loro impegno a esprimere solidarietà attraverso la diversità: nessuna discriminazione, nessuna eccezione. L’ITUC celebra i progressi compiuti verso l’uguaglianza, l’inclusività e la diversità nei nostri luoghi di lavoro e nelle nostre società.
Dal Sudafrica alla Norvegia, dall’Uruguay alle Filippine e dal mondo del lavoro a quello internazionale, i lavoratori LGBTI + e i loro sindacati hanno alzato la bandiera e compiuto progressi significativi. Hanno fatto parte di più vaste lotte per l’uguaglianza che hanno portato a vittorie storiche. L’Angola ha recentemente abrogato le leggi che criminalizzano l’omosessualità; il Costa Rica ha stabilito che il divieto contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso è incostituzionale e discriminatorio; leggi sull’uguaglianza dei matrimoni sono state recentemente adottate in Australia, Austria, Colombia, Finlandia e Germania.
https://www.ituc-csi.org/IDAHOT19?lang=en

ALTRE FONTI

Sindacato internazionale dei lavoratori dell’industria – IndustriALL

Il sindacato dei lavoratori delle manifatture, IndustriALL Global Union, e quello dei lavoratori dell’agroindustria, IUF, hanno firmato con il gruppo Unilever un accordo che rappresenta un notevole passo in avanti per limitare l’uso di lavoratori temporanei e proteggere posti di lavoro permanenti negli stabilimenti Unilever.
L’accordo si applica ai lavoratori in oltre 300 fabbriche Unilever in 69 paesi, indipendentemente dal fatto che siano impiegati direttamente da Unilever o da un fornitore terzo. In Italia, tra altri, Algida, Calvé, Motta …
L’impegno congiunto limita l’assunzione di lavoratori temporanei a compiti a breve termine e non ricorrenti negli stabilimenti Unilever e impedisce l’utilizzo di contratti temporanei per evitare l’occupazione regolare.
In una vittoria contro i contratti a zero ore, i lavoratori temporanei saranno informati dei loro orari di lavoro con sufficiente preavviso e non svolgeranno lavori a chiamata senza retribuzione.
http://www.industriall-union.org/unilever-and-global-unions-sign-agreement-to-restrict-temporary-jobs

Nonostante le normative sul lavoro e gli sforzi dei sindacati, gli incidenti nelle miniere portano via la vita di migliaia di lavoratori ogni anno in tutto il mondo e danneggiano gravemente l’ambiente. Perché l’attività mineraria è ancora così pericolosa?
Un’esplosione di gas metano in una miniera di carbone in Pakistan uccide quattro lavoratori e ne intrappola altri 40 sottoterra. In Zimbabwe, 28 minatori artigiani annegano quando la miniera d’oro stanno lavorando durante una piena. Una miniera a cielo aperto nel Congo crolla. Un’esplosione uccide 304 lavoratori a Soma in Turchia. I minatori sono intrappolati in una miniera di rame in Cile, i minatori di carbone in Nuova Zelanda e West Virginia vengono uccisi in incidenti. In Brasile, circa 300 persone muoiono quando la diga di sterilizzazione Brumadinho crolla.
Esplosioni, crolli, allagamenti, incendi, avvelenamento da monossido di carbonio. Corpi persi sotterranei che non vengono mai recuperati. Famigliari in lutto senza risposte.
http://www.industriall-union.org/special-report-why-is-mining-still-so-dangerous

Sindacato internazionale dei lavoratori dei servizi – WORLD PSI

Fresenius: i sindacati lanciano la prima alleanza dei lavoratori della sanità su scala globale.
Più di 50 lavoratori e rappresentanti sindacali provenienti da Europa, Nord e Sud America e Asia si sono incontrati il 16 e il 17 maggio a Francoforte sul Meno, in Germania, in parallelo con l’assemblea generale annuale degli azionisti di Fresenius. Fresenius impiega direttamente circa 280.000 lavoratori in 100 paesi.
I sindacati lanceranno la prima rete sindacale internazionale per una multinazionale del settore sanitario. Il loro obiettivo è negoziare un accordo quadro globale con Fresenius per garantire che rispetti i diritti fondamentali di tutti i dipendenti nelle sue operazioni in tutto il mondo. I 21 sindacati partecipanti alla coalizione stanno, in parte, reagendo alle pratiche anti-sindacali di Fresenius soprattutto negli Stati Uniti, in Perù e nella Corea del Sud.
La multinazionale è presente in Italia con uno stabilimento a Cremona e distribuisce attrezzature e materiali sanitari.
http://www.world-psi.org/en/fresenius-unions-launch-first-ever-global-care-workers-alliance

 

EUROPA

È dalla capitale francese che i membri del movimento partiranno, il 25 giugno, in una carovana per la libertà dell’ex presidente. Visiteranno la sede dell’UNESCO a Parigi, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e il Consiglio mondiale delle chiese, a Ginevra, l’Organizzazione internazionale del lavoro a Basilea, il Consiglio d’Europa a Strasburgo e il Parlamento europeo a Bruxelles. Il viaggio della Carovana “Lula Libero” in Europa termina il 28 giugno.
https://comitelulalivre.org/caravana-lula-livre-na-europa/

L’Associazione americana dei giuristi ha reso pubblica una dichiarazione ufficiale giovedì riconoscendo Luiz Inacio Lula da Silva come prigioniero politico. L’Organizzazione non governativa con status consultivo presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, aveva già denunciato la persecuzione di Lula durante l’Assemblea generale della 39a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite l’anno scorso. Questa è la prima volta, tuttavia, che l’entità dichiara ufficialmente Lula prigioniero politico.
https://comitelulalivre.org/associacao-americana-de-juristas-reconhece-lula-como-preso-politico/

Fondazione di Dublino

Il rapporto “Vivere e lavorare in Europa 2015-2018” riunisce alcuni dei principali risultati della ricerca di Eurofound sulle condizioni di vita e di lavoro degli europei negli ultimi quattro anni, durante il mandato del Parlamento europeo uscente e della Commissione.
https://www.eurofound.europa.eu/sites/default/files/ef_publication/field_ef_document/ef19056en.pdf

Questo rapporto descrive i cambiamenti nell’appartenenza sindacale e nelle percentuali di adesione dei lavoratori in 32 Paesi europei dal 2000, con particolare attenzione alla struttura per età all’interno dei sindacati.
Il rapporto svela sostanziali variazioni nei tassi di sindacalizzazione, con i paesi meno sindacalizzati negli anni 2000 che sono rimasti in gran parte nella parte inferiore del “tasso di sindacalizzazione” ed i paesi con incidenze più elevate che continuano a mantenere le loro posizioni più in alto. Nel complesso, tuttavia, i tassi di adesione sono in calo nella maggior parte dei paesi, in particolare nell’Europa centrale e orientale, mentre gli aderenti sono anche “ingrigiti”.
https://www.etui.org/Publications2/Books/Bleak-prospects-mapping-trade-union-membership-in-Europe-since-2000

Confederazione Sindacale Europea – ETUC CES

I leader dei sindacati nazionali europei hanno rieletto oggi Luca Visentini segretario generale e Laurent Berger presidente della Confederazione europea dei sindacati.
Luca Visentini è stato eletto segretario generale al precedente Congresso ETUC a Parigi nel 2015. In precedenza è stato segretario confederale della CES dal 2011 e membro del sindacato italiano UIL dal 1989.
Laurent Berger è il segretario generale del sindacato francese CFDT, un incarico che ha ricoperto dal 2012.
https://www.etuc.org/en/pressrelease/luca-visentini-re-elected-general-secretary-laurent-berger-elected-etuc-president

Francia

Le manifestazioni per il Primo Maggio sono state segnate in Francia da violenze inaccettabili contro i cortei sindacali, ma resta comunque il giorno con la più grande partecipazione rispetto agli anni precedenti.
Infatti, mentre stava per iniziare il corteo inter-sindacale di Parigi, in pace, la polizia è intervenuta indiscriminatamente, usando granate lacrimogene.
https://mail.google.com/mail/u/0/?tab=rm#inbox/FMfcgxwCgVVkWjdlJzZggbGVhvcLkrhL

Uno studio pubblicato nel Bulletin épidémiologique hebdomadaire (BEH), il bollettino epidemiologico settimanale dell’agenzia francese per la salute pubblica, ci aiuta a valutare meglio l’impatto delle condizioni di lavoro sui pensieri di suicidio. Nel 2017, il 3,8% della popolazione francese occupata ha dichiarato di aver preso in considerazione il suicidio nel corso degli ultimi dodici mesi (il 4,5% della popolazione femminile e il 3,1% della popolazione maschile).
https://www.etui.org/News/France-a-link-between-working-conditions-and-suicides

Inghilterra

Il tempo in cui lavori è tuo, quindi perché non lo controlli?
La nuova tecnologia dovrebbe aiutare i lavoratori a interrompere il lavoro, non a tenerli a disposizione 24 ore su 24.
Non esiste una legge naturale che determini la quantità di tempo che trascorriamo al lavoro.
Gli orari di lavoro tipici sono cambiati nel corso della storia, di solito perché i lavoratori dei sindacati hanno combattuto per orari più brevi e più controllo sul loro tempo.
Quando la TUC fu fondato nel 1868, i lavoratori impiegavano in media 62 ore settimanali. Nel 2018, questo era quasi dimezzato. …
I confini tra il tempo di lavoro e quello di non lavoro si vanno confondendo.
Abbiamo assistito all’aumento della flessibilità a senso unico, in cui i datori di lavoro ottengono tutti i benefici e i lavoratori sostengono tutti i costi. Ad esempio le 800.000 persone con contratti a zero ore, costantemente sottoposti a chiamata dei loro datori di lavoro.
In tutti i settori, i lavoratori si trovano sempre su chiamata, con e-mail, chiamate o messaggi che impediscono loro di interrompere il rapporto con il lavoro alla sera o nei fine settimana.
Ciò rafforza il costume degli orari lunghi in Gran Bretagna, e non c’è nulla di cui essere orgogliosi. Lo scorso anno, i lavoratori nel Regno Unito hanno lavorato per oltre 32 miliardi di sterline di straordinari non pagati.
Siamo chiari: se il tuo datore di lavoro prende il tuo tempo e non ti paga per questo – ciò equivale a un furto.
https://www.tuc.org.uk/blogs/time-you-work-yours-so-why-dont-you-control-it

I sindacati hanno sempre combattuto contro la povertà. E dovrebbe essere dato per scontato che nessuno nella quinta economia mondiale dovrebbe vivere al di sotto della soglia di povertà.
Ma in Inghilterra abbiamo un record di 8 milioni di persone che vive in povertà nonostante faccia parte di una famiglia lavoratrice.
E proprio il mese scorso abbiamo scoperto che ora ci sono 2,9 milioni di bambini che crescono in povertà nelle famiglie che lavorano: un aumento di 800.000 dal 2010.
https://www.tuc.org.uk/blogs/government-out-excuses-devastating-un-report-lambasts-austerity-policies

Norvegia

Il partito laburista norvegese si è schierato contro le esplorazioni petrolifere e le trivellazioni nell’arcipelago delle Lofoten nell’Artico. I laburisti, che sono in opposizione nonostante siano il più grande partito del paese, hanno quindi dato un colpo senza precedenti all’enorme industria petrolifera dello Stato nordico. In questo modo si viene formando una maggioranza parlamentare contro le esplorazioni nelle Lofoten.
https://www.lamarea.com/2019/04/12/noticias-climaticas-noruega-se-aleja-del-petroleo-del-artico/

Polonia

Alcuni giorni dopo che gli operai tedeschi di Amazon hanno scioperato, i dipendenti polacchi del gigante del commercio hanno intensificato il loro impegno per un lavoro più pagato e posti di lavoro più sicuri.
I sindacati che rappresentano i lavoratori polacchi di Amazon, NSZZ Solidarity Union (Solidarność) e Workers ‘Initiative (Inicjatywa Pracownicza), hanno annunciato una azione collettiva che potrebbe portare, in futuro, a uno sciopero.
https://www.uniglobalunion.org/news/polish-amazon-workers-escalate-push-better-wages-working-conditions

Russia

Un recente rapporto suggerisce che la Russia ha ancora molta strada da fare quando si tratta di garantire un libero ruolo dei sindacati nella società.
A metà del XX secolo la libertà di associazione era riconosciuta a livello internazionale come un diritto umano fondamentale e un principio fondamentale dell’Organizzazione internazionale del lavoro. Nel mondo moderno, i diritti dei lavoratori di formare sindacati e di impegnarsi nella contrattazione collettiva sono raramente contestati apertamente, ma spesso ignorati nella pratica.
Le leggi e la costituzione della Russia garantiscono la libertà di associazione, incluso il diritto di formare sindacati per far avanzare gli interessi dei lavoratori e la libertà di creare e gestire associazioni non governative, ma i dipendenti che cercano di esercitare questo diritto rischiano di affrontare la repressione del governo e del datore di lavoro come gli ostacoli legali.
https://www.rosalux.de/en/publication/id/40367/freedom-of-association-for-trade-unions-in-modern-russia/

Spagna

Il giovane nepalese investitO sabato sera a Barcellona stava lavorando per Glovo senza un contratto. La situazione di questo fattorino di 22 anni era la stessa di quella dei lavoratori delle altre piattaforme come Deliveroo, Uber, Eats o Stuart: carichi di lavoro estenuanti, mancanza di formazione in prevenzione e dissociazione da parte dell’azienda da tutti i rischi assunti da un giovane senza riconoscere il rapporto di lavoro subordinato.
https://www.ccoo.es/noticia:388133–CCOO_exige_que_las_plataformas_de_reparto_asuman_su_responsabilidad_tras_la_muerte_de_un_repartidor_de_Glovo

Allo sciopero. Secondo uno studio condotto dalle Comisione Obreras, CCOO, tra gennaio e ottobre 2018, il numero di lavoratori che hanno partecipato allo sciopero e il numero di giorni non lavorati è aumentato. Nel settore privato spiccano gli scioperi settoriali o aziendali legati alla contrattazione collettiva, e nel settore pubblico quelli chiamati a invertire il processo di tagli dell’ultimo decennio.
http://www.fim.org.es/02_02.php?id_publicacion=498

 

ASIA

Australia

I lavoratori marittimi si mobilitano a livello globale per “salvare la marina mercantile australiana”.
I lavoratori marittimi di tutto il mondo si sono riuniti in un incontro internazionale di solidarietà con i marittimi australiani. La giornata mondiale di azione coordinata dalla ITF Cabotage Task Force ha riunito sindacati marittimi di tutti i continenti.
https://www.itfglobal.org/en/news/maritime-workers-rally-globally-save-australian-shipping

Cina

Con il rallentamento della crescita economica della Cina, i governi locali sono sempre più riluttanti a mettere a repentaglio il loro vantaggio competitivo aumentando il salario minimo. Finora quest’anno, solo tre su 32 governi regionali hanno riferito di aver aumentato il loro salario minimo legale, anche se molti altri dovrebbero seguirne l’esempio più avanti nell’anno.
https://clb.org.hk/content/china%E2%80%99s-regional-governments-reluctant-raise-minimum-wage

Gli insegnanti cinesi danno vita a proteste contro le ingiustizie di vecchia data.
La dimostrazione di oltre 200 insegnanti di scuola pubblica nella contea sud-occidentale di Jianyang il 21 maggio è stata solo l’ultima di una serie di proteste degli insegnanti in Cina su una vasta gamma di questioni tra cui i salari bassi, pensioni ineguali e d il pagamento dei salari arretrati.
Circa il sei percento di tutti gli incidenti registrati nella Strike Map del CLB quest’anno ha coinvolto educatori, che rappresentano solo circa il due per cento della forza lavoro totale della Cina.
https://clb.org.hk/content/china%E2%80%99s-teachers-stage-protests-over-long-standing-injustices


La mappa degli scioperi in Cina
https://maps.clb.org.hk/strikes/en

Sono 17. Si trovano nella parte inferiore della tavola periodica degli elementi, in colore viola. Sono considerati le vitamine della tecnologia. Sono i minerali conosciuti come “terre rare”. …
Attualmente l’83% della produzione avviene in un solo paese: la Cina, che ospita anche la maggior parte delle riserve mondiali nel suo sottosuolo: il 55%. Per avere un’idea, l’Arabia Saudita, che domina il mercato petrolifero, ha il 15% delle riserve di petrolio. Deng Xiaoping disse nel 1992: “Il Medio Oriente ha petrolio, la Cina ha terre rare”. …
Quindi la Cina, in pieno conflitto con gli Stati Uniti dopo il caso di Huawei, ha il sopravvento. Gli analisti hanno parlato di un nuovo “pulsante nucleare” perché se la Cina decidesse di tagliare le esportazioni di questi minerali potrebbe mettere in difficoltà gli Stati Uniti, che acquistano oltre l’80% delle terre rare di cui hanno bisogno, anche per il suo settore strategico della difesa, da Pechino.
http://www.rebelion.org/noticia.php?id=256356&titular=las-tierras-raras-la-baza-china-en-la-guerra-comercial-contra-ee.uu.-

India

Le diseguaglianze in India.
– Il 10% più ricco della popolazione indiana detiene il 77% della ricchezza nazionale totale. Il 73% della ricchezza generata nel 2017 è andato all’1% più ricco, mentre 67 milioni di indiani che comprendono la parte più povera della popolazione hanno visto solo un aumento dell’1% della loro ricchezza.
– Ci sono 119 miliardari in India. Il loro numero è aumentato da soli 9 nel 2000 a 101 nel 2017. Tra il 2018 e il 2022, si stima che l’India produca 70 nuovi milionari ogni giorno.
– Le fortune dei miliardari sono aumentate di quasi 10 volte nell’arco di un decennio e la loro ricchezza totale è superiore a quella dell’intero bilancio dell’Unione dell’India per l’anno fiscale 2018-19, che ammontava a 24422 miliardi di INR.
– Molti indiani ordinari non sono in grado di accedere all’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno. 63 milioni di loro sono spinti in povertà a causa delle spese sanitarie ogni anno, quasi due persone al secondo.
– Ci vorranno 941 anni per un lavoratore con salario minimo nelle zone rurali dell’India per guadagnare quello che guadagna in un anno il dirigente più pagato in una società indiana leader nel settore dell’abbigliamento.
https://www.oxfam.org/en/even-it/india-extreme-inequality-numbers

 

MEDIO ORIENTE

Iran

Uno studio economico del reddito di base dell’Iran, intervento implementato per rendere più facile l’eliminazione dei costosi sussidi per il carburante (ed ecologicamente distruttivi), mostra che non ci sono stati effetti negativi sull’occupazione. …
Il programma di sussidi incondizionato è stato lanciato nel 2011. La sovvenzione mensile ammontava al 29% del reddito familiare medio, o circa $ 1,50 extra per capo famiglia, al giorno. Circa il 90% degli iraniani riceve un finanziamento attraverso questo programma.
https://basicincome.org/news/2017/06/study-irans-basic-income-shows-not-harm-employment/

 

AFRICA

Sudafrica

Gli ultimi dati statistici trimestrali sull’occupazione mostrano un aumento del 5% del tasso di disoccupazione e dovrebbero servire come campanello d’allarme per l’amministrazione entrante. Questo è molto allarmante considerando che dei 36 milioni di persone in età lavorativa la popolazione, il 27,6% è ufficialmente disoccupata. Secondo Statistics South Africa, il tasso di disoccupazione del paese è salito al 27,6% nel primo trimestre dal 27,1% nell’ultimo trimestre del 2018.
http://mediadon.co.za/2019/05/14/cosatu-statement-on-the-latest-unemployment-figures/

Il Sindacato Nazionale dei Lavoratori delle miniere (NUM) è indignato per il comportamento arrogante, brutale e sfruttatore della China Precious Metal Company (CAPM) nella provincia di Orkney, nel Nord Ovest, che si rifiuta di prendere in considerazione le domande dei lavoratori di avere una assicurazione, che la valutazione del lavoro sia legata alle perstazioni svolte e che ai lavoratori viene concessa un’indennità che permetta loro di vivere.
http://mediadon.co.za/2019/05/20/num-matlosana-region-press-statement-regarding-the-mineworkers-sit-in-underground/

Tunisia

Duemila lavoratori dei servizi municipali di gestione dei rifiuti della Tunisia hanno manifestato il 28 aprile, giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro, per esigere condizioni di lavoro salubri e sicure, adeguati dispositivi di protezione individuale per tutti e il riconoscimento del loro status professionale a livello nazionale.
http://www.world-psi.org/en/two-thousand-tunisian-municipal-cleaners-demand-safe-working-conditions-and-statutory-recognition

 

NORD AMERICA

Stati Uniti

Grazie in parte al progressivo risveglio della politica di sinistra a fronte di crescenti disuguaglianze, si inizia a mettere in discussione la tirannia dell’estrema ricchezza e questo tema sta rapidamente diventando la sostanza del dibattito politico tradizionale. Con il ritorno della politica di classe nell’arena politica americana, c’è un crescente impulso per politiche precedentemente impensabili come l’aliquota marginale superiore del 70% e un’imposta patrimoniale fortemente aumentata. (Anche il rappresentante del Minnesota Ilhan Omar merita credito per aver proposto un tasso marginale superiore ancora superiore al 90%).
https://jacobinmag.com/2019/03/billionaires-wealth-tax-wilkinson-new-york-times

Nella primavera del 2018, gli insegnanti di tutta la Virginia dell’Ovest hanno chiuso le scuole in tutto lo stato, creando una crisi politica che costrinse il governo repubblicano di Jim Justice e la legislatura guidata dal GOP a fare marcia indietro. Traendo ispirazione dagli scioperanti del West Virginia, gli insegnanti degli stati dell’Arizona e dell’Oklahoma hanno presto seguito l’esempio portando a termine scioperi in tutto lo Stato.
http://inthesetimes.com/working/entry/21887/teacher-strikes-eric-blanc-red-state-revolt-west-virginia

Il New Deal verde presenta alla classe operaia americana la più grande opportunità per migliorare le nostre vite e acquisire potere sin dal primo New Deal degli anni Trenta. Rispondere ai cambiamenti climatici richiederà la creazione di milioni di posti di lavoro, nella ricerca scientifica come nell’educazione e nel lavoro industriale, esiste il potenziale per stabilire un nuovo quadro politico che renda i diritti dei lavoratori e delle loro organizzazioni centrali nel nuovo modo in cui può funzionare la nostra economia.
http://inthesetimes.com/features/green-new-deal-worker-transition-jobs-plan.html

 

AMERICA LATINA

Argentina

Più di tremila piccoli produttori, agricoltori, contadini e altri soggetti legati all’agricoltura delle diverse province argentine, hanno proposto un programma per la produzione agricola argentina da prendere in considerazione da coloro che aspirano a governare il paese a partire dal prossimo dicembre.
Come espressione antagonistica del modello agroindustriale concentrato, estraneo all’Argentina, il documento afferma nelle prime conclusioni dei dibattiti l’obiettivo della sovranità alimentare, la considerazione del territorio come territorio e habitat dei produttori e la costruzione di un modello di produzione non estrattivo delle risorse della terra.
http://www.rebelion.org/noticia.php?id=256376&titular=productores-y-campesinos-proponen-un-programa-antag%F3nico-al-modelo-agroindustrial-del-gobierno-

Brasile

Primo Maggio: contro la riforma della sicurezza sociale e gli attacchi del governo, i sindacati celebrano per la prima volta la data con la stessa piattaforma di mobilitazione.
Protagonista della ripresa democratica dopo il golpe militare del 19164, il movimento sindacale brasiliano arriva alle porte del secondo decennio del XXI secolo con diverse sfide da affrontare. Dovrà resistere a uno scenario di disoccupazione e di lavoro informale esplosivo (ndr. Viene non a caso chiamato “uberizzazione”), e sotto il lembo di un governo che contrasta contro qualsiasi forma di organizzazione o, con le sue parole, di “attivismo”.
https://www.cartacapital.com.br/politica/dia-do-trabalho-centrais-sindicais-se-unem-contra-uberizacao/?utm_campaign=newsletter_rd_-_01052019&utm_medium=email&utm_source=RD+Station

Continuano le dimostrazioni contro i tagli di bilancio nel settore dell’istruzione: una nuova giornata di lotta è prevista per il 30 maggio. L’annuncio è stato fatto dagli studenti che hanno partecipato alla cerimonia mercoledì 15 e confermato dall’Unione Nazionale degli Sudenti (UNE) nei loro social network. …
Mentre è confermato lo sciopero generale il 14 giugno, convocato dalla CUT e dagli altri sindacati brasiliani, che ha al centro la lotta contro la riforma della sicurezza sociale.
https://www.cartacapital.com.br/educacao/bolsonaro-na-parede-manifestacoes-voltam-as-ruas-em-30-de-maio/?utm_campaign=newsletter_rd_-_16052019&utm_medium=email&utm_source=RD+Station

La campagna per la libertà di Louisa trova il sostegno di Lula e del PT.
Il 9 maggio la segretaria generale del Partito dei lavoratori di Argélia è stata arrestata ingiustamente.
L’ex presidente Lula, anch’egli ingiustamente imprigionato dal 7 aprile dell’anno scorso, ha scritto una nota in cui dichiara di conoscere l’esperienza di vita e politica di Louisa e quindi non ha dubbi sul fatto di “unirsi alle migliaia di cittadini che lottano per la sua liberazione immediata”.
https://www.cut.org.br/noticias/campanha-pela-liberdade-de-louisa-ganha-apoios-de-lula-e-da-bancada-do-pt-77a7

Uno studio pubblicato dal Security Forum nel 2018 ha rilevato che gli uomini, neri e giovani sono i principali bersagli delle morti della polizia. L’analisi è stata basata su 3.107 record, provenienti da 20 comuni dello stato di San Paolo, tra il 2013 e il 2016. Nel periodo, il 67% dei decessi da parte della polizia era nero e mulatto e il 16% aveva meno di 17 anni.
http://cspconlutas.org.br/2019/05/manifestacao-neste-domingo-paremdenosmatar-exige-fim-do-genocidio-da-populacao-negra/

Cile

Il sindacato CUT sta organizzando una discussione collettiva per raccogliere le critiche e le proposte e per definire il programma di azionieper frenare l’assalto neoliberale in materia di lavoro che, con la scusa di conciliare meglio il tempo del lavoro con quello della famiglia, propone una riforma su misura per gli imprenditori in modo che possano disporre come vogliono e quando vogliono i loro lavoratori perché i contratti individuali di adattabilità e flessibilità, limitando così il potere contrattuale dei lavoratori organizzati.
http://cut.cl/cutchile/2019/05/07/con-amplia-participacion-de-dirigentes-de-base-afiliados-y-no-afiliados-cut-realizo-asamblea-informativa-sobre-la-reforma-de-explotacion-laboral-de-pinera/

Colombia

Il novembre 2016 avrebbe dovuto segnare un momento spartiacque nella storia sanguinaria della Colombia, in quanto è la data in cui il governo colombiano ha firmato un accordo di pace con il gruppo di guerriglia delle FARC dopo oltre mezzo secolo di lotta armata. Eppure, da quella data, la Colombia è diventata uno dei posti più pericolosi al mondo per un operatore dei diritti umani. Tra novembre 2016 e aprile 2019, sono stati assassinati 566 leader di comunità e difensori dei diritti umani.
https://www.thenation.com/article/colombia-francia-marquez-human-rights-defender/

Messico

Il Senato messicano ha approvato una nuova legge sul lavoro, la nuova legislazione costituirà un passo avanti per la democrazia sindacale, non copre questioni chiave come l’outsourcing.
Il nuovo atto rappresenta una revisione completa dei rapporti di lavoro e offrirà ai lavoratori un migliore accesso alla giustizia del lavoro e una maggiore libertà di associazione; renderà anche più facile per loro formare sindacati democratici.
Sotto le riforme, i lavoratori saranno liberi di scegliere a quale sindacato aderire e saranno in grado di eleggere i loro leader sindacali attraverso un voto individuale, libero, segreto e diretto.
http://www.industriall-union.org/mexicos-labour-reforms-set-to-bring-greater-union-democracy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.