Effetto Farfalla. Cambiamo le parole per cambiare il mondo

image_pdfimage_print

«Non fare la femminuccia!», «siamo invasi dagli extracomunitari!».

Quante volte ci è capitato di sentire pronunciare, con fin troppa naturalezza e leggerezza, frasi di questo tipo? Con quanta facilità si sentono usare, ovunque intorno a noi, parole e modi di dire che offendono e ledono la dignità di una moltitudine di persone? Gli stereotipi, che siano di genere o razzisti, ancora fortemente radicati nella nostra società, a tal punto da essere entrati a far parte del linguaggio “quotidiano”, non sono che il primo sintomo della diffusione delle discriminazioni e dei cosiddetti “reati d’odio”. La rivendicazione di una identità nazionale “pura”, che muove le diverse forme di discriminazioni razziste e la perpetrazione di una idea di rigida divisione di ruoli, che, alla base delle discriminazioni di genere, si manifestano e si perpetuano attraverso il linguaggio.

Ed è proprio il linguaggio ad essere il fulcro del manuale prodotto nell’ambito del progetto “Effetto Farfalla”: se è vero che esso è il primo strumento su cui si riflette una forma mentis condizionata dagli stereotipi e da forme potenziali di razzismo, allora è proprio dalla cura del linguaggio stesso che si deve partire. Il manuale è stato ideato con l’obiettivo di veicolare gli ideali di inclusività, rispetto ed uguaglianza in tutta la società, attraverso la didattica e la lingua grazie alla promozione di iniziative educative rivolte ai giovani e alla collaborazione tra Cospe, capofila del progetto, e un ampio partenariato composto da Lunaria APS, Zaffiria, Carta di Roma, Gay Center, Gay Help Line, Amnesty International, Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia dell’Università di Bologna, CoNNGI, Oxfam, AIDOS, OSVIC, Emergency, Libera APS e la regione Toscana.

Il manuale si rivolge a insegnanti ed educatori, configurandosi come uno strumento interattivo e dinamico per consolidare il pensiero critico e promuovere l’empatia, incoraggiando un coinvolgimento attivo nella costruzione di una società che prevenga e depotenzi i fenomeni discriminatori. Dodici itinerari didattici cercano di stimolare la riflessione dei ragazzi sulla complessità delle diverse forme di discriminazione che attraversano la quotidianità e di evidenziare come i processi di stigmatizzazione e di generalizzazione che caratterizzano i discorsi e i comportamenti discriminatori seguano traiettorie molto simili anche se possono essere mossi da moventi diversi. Il razzismo, il sessismo, l’omolesbotransfobia, l’hate speech online e offline, le fake-news, la costruzione di comunità educative e di reti di collaborazione interne ed esterne alla scuola, sono alcuni dei temi trattati dagli itinerari didattici pensati per far lavorare i giovani di età compresa tra gli 11 e i 19 anni in modo interattivo e partecipativo per promuovere una cultura di eguaglianza e di non discriminazione.

Il metodo didattico designato è quello dell’educazione non formale, che si avvale di strumenti interattivi e partecipativi, con ciascun itinerario strutturato per almeno tre sessioni di due ore ciascuna. Tra le metodologie di lavoro proposte il role-playing e il lavoro di gruppo intendono favorire una comunicazione dinamica e l’interazione collettiva suggerendo che solo agendo insieme si può sconfiggere il razzismo.

Il manuale, disponibile in versione elettronica, può essere scaricato gratuitamente cliccando QUI.

Gli autori

Cospe

Guarda gli altri post di: