Wenders: solidarietà con Mimmo Lucano

image_pdfimage_print

Wim Wenders, che a Riace ha girato nel 2010 il film “Il volo”, contattato da European Alternatives  per mobilitare il supporto internazionale a Mimmo Lucano ha inviato un messaggio di solidarietà con un promemoria del tempo fragile in cui ci troviamo:

«Se iniziamo ad arrestare e imprigionare persone di buona volontà, visionari e grandi europei come “Mimmo” Domenico Lucano, allora possiamo presto abbandonare l’intera idea della nostra cultura europea. “Libertà, uguaglianza e fratellanza” sono scritte a caratteri cubitali nel nostro continente, ma “oppressione, esclusione e ostilità” stanno diventando i nuovi slogan dei nazionalisti di tutta Europa che sembrano dimenticare quale miseria e spargimento di sangue ha portato la loro ideologia sul nostro continente. Il passato non può essere il futuro dell’Europa! Dato che ho già fatto un film su Riace e Mimmo nel 2009, sono probabilmente parte dei “do-gooders” o “cuori sanguinanti” di cui parla l’italiano Matteo Salvini. Francamente, preferirei essere uno di questi “buonisti” per tutta la vita che uno dei suoi “cattivisti” per un secondo».

«If we start arresting and imprisoning people of good will, visionaries and great Europeans like “Mimmo” Domenico Lucano, then we can soon give up on the entire idea of our European culture. “Liberty, equality and fraternity” are written in big letters over our continent, but “oppression, exclusion and hostility” are becoming the new slogans of nationalists all over Europe who seem to forget which misery and bloodshed their ideology brought over our home continent. The past cannot be Europe’s future! As I made a film about Riace and Mimmo in 2009 already, I’m probably part of the “do-gooders” or “bleeding hearts” that Italy’s Matteo Salvini is talking about. Frankly, I’d rather be one of these “buonisti” for my entire life than one of his “cattivisti” for one second».

La stampa internazionale ha dato molto risalto all’arresto di Mimmo Lucano e si moltiplicano le prese di posizione in solidarietà con il sindaco dell’accoglienza”.

Qui un altro articolo di European Alternatives.

 

Gli autori

redazione

Guarda gli altri post di: