«Ma come fanno gli operai»

Un reportage senza sconti questo “Ma come fanno gli operai” di Loris Campetti (Manni Editori, 2018). Un viaggio dolente da Gardone in Val Trompia a Monfalcone, da Belluno a Reggio Emilia, da Torino a Varese per ritrovare una classe sociale già centrale negli anni Sessanta e Settanta e oggi delusa e priva di riferimenti.

Lavorare per il re di Prussia

Sulle pensioni, o meglio sui contributi versati dai lavoratori italiani, è stata caricata in questi anni una quota significativa del debito pubblico. Contemporaneamente si è presentata la previdenza come un grande sperpero. Il tutto per mettere impunemente le mani sulle risorse dei lavoratori.

La Corte costituzionale e il Jobs act

Con la sentenza n. 194/2018, la Corte costituzionale ha sconfessato l’impostazione del Jobs Act, che puntava a fare del licenziamento un semplice “costo” predefinito per l’imprenditore trascurando ogni collegamento con la situazione concreta del lavoratore. L’auspicio è che ciò serva come indicazione per il futuro.

Belle parole e salari da fame: il caso H&M

Le donne che lavorano nelle fabbriche del colosso dell’abbigliamento H&M in India, Turchia, Cambogia e Bulgaria ricevono salari da fame. Alla denuncia della Campagna Abiti Puliti l’azienda risponde rivendicando una “strategia di salario equo e solidale”. Ma intanto le cose non cambiano.