#IO STO CON RIACE

«Stiamo raggiungendo il punto di non ritorno. Se non ci sarà l’assegnazione programmata non solo finirà l’esperienza di Riace ma saranno messi in strada 165 rifugiati tra i quali 50 bambini e 80 operatori perderanno il lavoro». La Rete dei Comuni Solidali (RECOSOL) avvia una raccolta popolare di solidarietà per superare questa fase estremamente critica.

Salvare i naufraghi e aprire i porti

Non salvare chi naufraga è un crimine, lasciarlo morire in mare è un crimine, non aprire i porti o riportare i naufraghi in Libia è un crimine. Una politica disumana, nata con la legittimazione dei lager libici da parte del ministro Minniti e che prosegue oggi con Salvini, sta raggiungendo limiti mostruosi.

Hanno perso la testa

L’informazione falsa e le vere e proprie fake news diffuse dai sostenitori della linea ad Alta Capacità Torino-Lione: le penali inesistenti, come gli obblighi di restituzione dei costi già sostenuti e degli stanziamenti europei. La paura di “perdere il treno” (per loro d’oro) fa perdere la testa ai fautori di un’opera inutile, dannosa e spaventosamente costosa.

Pietà!

Lo sguardo di Josephine è un atto d’accusa senza appello nei confronti del ministro dell’odio Matteo Salvini, del suo predecessore Marco Minniti, di tutto il governo italiano e di un establishment dell’Europa privo di ogni traccia di umanità e di senso morale. Gridiamolo forte: “Non in nostro nome!”

ALT

C’è voluto un intervento diretto del Presidente della Repubblica per fermare la bulimia di un ministro di polizia ammalato di odio. Comunicato Osservatorio Solidarietà Grazie al presidente Mattarella per l’intervento …

Loro gli zingari li censivano così.

Nel 1944 il “censimento” degli zingari lo si faceva nello Zigeunerlager di Auschwitz-Birkenau, dove fu avviata la “soluzione finale” della questione-zingara europea. Circa mezzo milione di Rom e Sinti rastrellati da tutti i paesi occupati dai nazisti furono passati per il camino.