Sergio Sinigaglia (Ancona, 1954) ha svolto le professioni di libraio e successivamente di giornalista in una società di comunicazione. Dal 1976 al 1978 è stato redattore a Roma del quotidiano Lotta Continua, organizzazione dove ha militato sin dal 1970. A partire dalla metà degli anni Novanta ha collaborato con il mensile Una città (1995-99), il settimanale Carta Cantieri Sociali (1998-2010) e i quotidiani Il Centro (1995) e il Manifesto (2010-2014). Dal 2018 al 2021 ha scritto commenti su temi di attualità e recensioni sul sito Global Project. Attualmente scrive sul trimestrale Malamente.

Contenuti:

“Insorgiamo Tour”, i temi sul tappeto

Gli operai della GKN di Firenze hanno iniziato l’“Insorgiamo Tour” in giro per l’Italia. È un’occasione preziosa per fare rete solidale e favorire relazioni politiche e sociali proficue. Ma è anche uno stimolo a riflettere su quel che ci aspetta: un futuro incerto in cui non sarà lo Stato a salvarci e in cui è difficile individuare anche cosa e come produrre.

L’insostenibile leggerezza della “normalizzazione”

Anche il dizionario della pandemia si sta aggiornando continuamente e si parla sempre più di convivere con la pandemia e di normalizzare l’emergenza. Ma ciò con cui si dovrebbe convivere è, a ben guardare, il “capitalismo dei disastri”. E, purtroppo, c’è poco da appellarsi all’ottimismo della volontà ché a prevalere è, piuttosto, il pessimismo della ragione.