Contenuti:
image_pdfimage_print

Karen Russell, I donatori di sonno (Sur editore, 2023)

Un’epidemia di insonnia colpisce la popolazione americana … Quello che emerge è la metafora di una società di sonnambuli e di morti viventi, con gli occhi spalancati e terrorizzati, vessati dal terrorismo psicologico della continua emergenza, inebetiti e incapaci di reagire, presi in giro dal potere che sfrutta le debolezze e specula sulle sofferenze… Perfetto ritratto del momento attuale.

Ritanna Armeni, Il secondo piano (Ponte alle Grazie, 2023)

Siamo a Roma nel 1944, alla periferia della città, in un convento francescano. Al primo piano della struttura c’è un’infermeria tedesca, al secondo alcune famiglie ebree miracolosamente sfuggite al rastrellamento del ghetto. A difendere queste persone dalla furia dei tedeschi, ormai prossimi alla sconfitta e perciò ancora più determinati a infliggere dolore, un gruppo di caritatevoli ma decise e coraggiose suore, guidate da suor Ignazia.

Sylvain Tesson, La pantera delle nevi (Sellerio, 2020)

2018. Lo scrittore Sylvain Tesson, invitato dal grande fotografo naturalista Vincent Munier, parte alla volta del Tibet, alla ricerca degli ultimi esemplari di pantera delle nevi. Con loro Marie, fidanzata del fotografo e Leo, aiutante filosofo. I quattro diventano un tutt’uno che resiste a temperature glaciali senza mai lamentarsi e che rimane incantato di fronte allo spettacolo che la natura offre quando sappiamo osservare immobili e silenziosi.

Le ONG e il decreto sicurezza: «Noi continueremo a salvare vite»

Il Governo predispone un nuovo “codice di comportamento” per le navi delle ONG impegnate in salvataggi nel Mediterraneo, tentando, in realtà, di impedirne o limitarne al massimo l’attività sulla falsariga di quanto già previsto dai precedenti ministri dell’interno Minniti e Salvini. La risposta delle ONG è netta e immediata: continueremo a salvare vite e ad applicare il diritto del mare e il diritto internazionale.

Éric Fouassier, L’ufficio degli affari occulti (Neri Pozza, 2022)

Ambientato a Parigi intorno al 1830, Fouassier si diverte a mescolare i gialli di Leroux, il feuilleton, il romanzo storico e i racconti gotici, cita mesmerismo, ipnosi, esoterismo, nuove ricerche mediche e scientifiche, psicologia e soprannaturale, inquadrando la storia con riferimenti e aneddoti documentati. Il risultato è scorrevole, accattivante, una storia avvincente che pare un’avventura d’altri tempi ma senza tradire le aspettative della narrazione moderna.

PD. Bonaccini e Schlein: che differenza c’è?

Ma che differenza c’è tra Elly Schlein e Stefano Bonaccini? E soprattutto: perché i due principali sfidanti alla guida del Pd evitano di rispondere alla domanda? Negli Usa alle primarie scorre il sangue. A queste primarie scorre il miele, accompagnato da tarallucci e vino. Una melassa che rischia di mettere sotto il tappeto, ancora una volta, le profonde divisioni che nel Pd esistono. Se esistono.