Web:

Profilo:

Livio Pepino, già magistrato e presidente di Magistratura democratica, dirige attualmente le Edizioni Gruppo Abele. Da tempo studia e cerca di sperimentare, pratiche di democrazia dal basso e in difesa dell’ambiente e della società dai guasti delle grandi opere. Ha scritto, tra l’altro, Forti con i deboli (Rizzoli, 2012), Non solo un treno. La democrazia alla prova della Val Susa (con Marco Revelli, Edizioni Gruppo Abele, 2012) e Prove di paura. Barbari, marginali, ribelli (Edizioni Gruppo Abele2015)

Contenuti:

Giudici e pubblici ministeri: avanti a destra

I diritti stanno diventando un optional: in tema di lavoro, nel conflitto sociale, per i migranti… E sempre meno ciò trova un argine nella giurisdizione. È in questo contesto che si collocano i risultati delle elezioni per il rinnovo del Consiglio superiore della magistratura: ha vinto la destra e la sinistra è (quasi) scomparsa.

Francia. La solidarietà non è un reato

Cédric Herrou, il contadino francese diventato simbolo dell’accoglienza dei migranti, ha vinto un’altra battaglia. A seguito di un suo ricorso il Conseil constitutionnel ha dichiarato illegittima l’incriminazione di chi fornisce assistenza disinteressata, in territorio francese, ai migranti in situazione irregolare

Il ministro della paura

Il panico sociale genera mostri e introduce politiche autoritarie. Basta cavalcarlo per costruire capri espiatori e nemici (interni ed esterni) contro cui indirizzare la rabbia sociale prodotta dalla crisi. È questa l’opzione della destra del nuovo millennio. In Italia il principale interprete ne è Salvini, il “ministro della paura”.