Festival di cinema e cultura del fantastico (ToHorror – 19ª ed.)

image_pdfimage_print

Tra i tanti festival cinematografici che nel corso dell’anno animano i grandi schermi della città di Torino, gli appassionati del genere horror trovano un luogo sicuro nel “ToHorror Film Festival – Festival internazionale di cinema e cultura del fantastico”, di cui si è da poco conclusa la XIX edizione.

Lapalissianamente, protagonista della manifestazione è l’Horror, al centro di una ricognizione che mira a mostrare un universo molto più variegato di quanto molti ancora pensano, per stili, poetiche, filoni e sottofiloni come per cinematografie.

L’offerta vede quindi film più seri e densi e altri più giocosi e divertiti – la commedia zombie The Odd family – Zombie on sale del coreano Lee Min-jae, il vincitore di questa edizione ‒, opere che vogliono soprattutto divertire giocando con gli stilemi del genere e altre che maggiormente vogliono colpire stomaco e coscienza sottolineando come alcune delle caratteristiche del cinema dell’orrore consistano nell’affrontare i rimossi e le paure, collettive e individuali, nell’indagare oltre i confini di ciò che viene comunemente consentito, nell’affrontare con chiarezza e scavare negli anfratti più nascosti della società e del senso comune.

Per esempio, il brasiliano The night shifter di Dennison Ramalho ribadisce il legame forte che unisce horror e tragedia. Nel racconto di un uomo che ha la capacità di parlare coi cadaveri dell’obitorio in cui lavora, e che proprio da uno dei trapassati scopre il tradimento della moglie, l’eco della tragedia greca diventa evidente nella spirale di vendette sempre più dure e violente che si giocano soprattutto sul terreno della famiglia e degli affetti. Tra morti che parlano e che a un certo punto ricordano il controcanto del coro e fantasmi che si vendicano, le colpe si radicano e la redenzione diventa impossibile; alla conferma di questa impossibilità si arriva con una sorta di climax inaugurato da una prima metà più d’atmosfera e dal ritmo più placido, che pare mirare soprattutto alla suggestione, e che si conclude nella più furiosa, sanguinolenta e violenta seconda parte. Costante è il sottofondo di una società brasiliana pervasa di disinteresse, odio, violenza, assenza di empatia, razzismo di classe e superstizione; tutto questo si percepisce nei banconi dei bar, nelle memorie e nei rimpianti dei morti che parlano, negli schermi televisivi e negli apparecchi radiofonici.

Potente, duro e magnetico, per niente timorato degli eccessi, è l’esordio del regista francese Quarxx Tous les Dieux du Ciel, horror allo stesso tempo “mistico” e concreto, nonché, aldilà di un oggettivo valore stilistico, degno di far parte della categoria di film che o si amano o si odiano. Quarxx scandaglia la follia e la perdita di sé e del senso della realtà causata dall’ossessione e dagli indelebili sensi di colpa. Il protagonista infatti attende letteralmente dal cielo la liberazione dal macigno che porta sulle spalle da una vita. Questo passato enorme e implacabile vive e parla nel corpo della sorella completamente disabile, e inevitabilmente il rapporto tra i due è ambiguo, malsano, ossessivo, a pochi passi dal morboso. La centralità del corpo, spesso martoriato e “messo in discussione”, come specchio di ossessioni intime e le interiorità deturpate sono, del resto, caratteristiche fondamentali della cosiddetta New French Extremity, corrente del cinema transalpino degli ultimi anni parecchio esplicita, morbosa, sanguinolenta e alla ricerca di eccessi visivi e stilistici, negli horror (À l’intérieur di Julien Maury e Alexandre Bustillo) come in certi prodotti d’autore (i film di Gaspar Noé) e di cui Tous le Dieux du ciel può tranquillamente fare parte.

Fuori concorso è stato invece presentato Knives and skin della videoartista Jennifer Reeder, visionario, suggestivo e sottilmente inquietante horror sulla provincia americana e su una comunità priva di orizzonti e ricca di infelicità. Ad aprire il vaso di Pandora di questi malesseri intimi diffusi è la misteriosa scomparsa di una quindicenne. Inevitabilmente, parente stretto di quest’opera è Twin Peaks di David Lynch, così come non mancano citazioni e suggestioni da altri film. La Reeder però riesce a rielaborare modelli e derivazioni e a creare comunque un prodotto personale e soprattutto efficace nella sua staticità narrativa (tolta la scomparsa, succede ben poco); in questo modo infatti al centro sono le interiorità, i sentimenti, le disillusioni e le angosce che il fattaccio fa emergere. Appesantito solo da qualche ripetizione nel finale, e arricchito da parentesi musicali – grandi successi rielaborati in sommesso e malinconico stile da “coro” – Knives and skin affronta l’orrore del quotidiano, quello intimo nascosto dietro la ripetitività e la mancanza di prospettive.

Passando ai film giocosi e divertiti, The invisible mother degli esordienti statunitensi Jacob Gillman e Matt Diebler è una lisergica, surreale e molto nerd rielaborazione del filone “case dannate”. Anche in questo caso pescando qua e là dalle tradizioni horror, i due registi mostrano di avere la mano giusta; funzionano, per esempio, la fotografia all’insegna dei colori estremamente luminosi e la colonna sonora, ma da notare è soprattutto l’attenzione ai dettagli e al loro valore narrativo e significante. Se però singole sequenze o divertono o spaventano senza dover ricorrere a trucchetti, complessivamente, pur rimanendo piacevole, The invisible mother alla lunga rischia di mostrare la corda, di apparire come un gioco divertente all’inizio che pian piano rischia però di diventare stancante.

Nel già ricordato The Odd family – Zombie on sale del coreano Lee Min-jae, invece, l’horror è comprimario. Ci troviamo infatti di fronte a una commedia con protagonista una famiglia della Corea più rurale, stravagante, disfunzionale e dedita all’arte dell’arrangiarsi, che causa involontariamente un’epidemia zombie. Sono loro stessi a doverla fronteggiare, e questo porta la commedia a trasformarsi in una farsa scatenata estremamente divertente che non ha paura di affrontare il demenziale, in particolare nella folle parte finale. È un film che raggiunge con efficacia i suoi obiettivi: quello di giocare con le caratteristiche dello zombie movie e di divertire senza schermi e particolari sottotesti. Anche se manca la sottile e feroce ironia di una zombie comedy come l’inglese L’alba dei morti dementi, questo potrebbe per alcuni sembrare poco, ma non lo è.

Per concludere, estremamente interessante è la controstoria raccontata da Horror noir di Xavier Burgin, documentario dedicato al rapporto tra gli afroamericani e l’horror. Attraverso spezzoni, riflessioni, testimonianze e riscoperte, il film mette in scena il rapporto di “odio e amore” tra la popolazione di colore e il genere, confermandoci come il legame tra cinema e consuetudini sociali sia molto stretto e come il cinema sia allo stesso tempo “passivo” e “attivo”, come uno specchio che talvolta restituisce l’immagine precisa, e talvolta un ritratto deforme. Permettendo anche di scoprire film, stagioni e filoni poco conosciuti e lavorando sulla storia del cinema horror anche con interessanti analisi e punti di vista culturali e sociali.

About Edoardo Peretti

Edoardo Peretti è nato nel 1985 sulla sponda lombarda del Lago Maggiore ed è stato adottato da Torino negli anni dell'università. Laureato in storia contemporanea collabora, come critico e giornalista cinematografico, con periodici on-line e cartacei (Mediacritica, Cineforum, L'Eco del nulla, Cinema Errante e Filmidee sono le principali collaborazioni). Ha lavorato per festival ed enti del settore e cura rassegne ed eventi, in particolare con l'Associazione Museo Nazionale del Cinema e con l'associazione Switch On.

Vedi tutti i post di Edoardo Peretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.