«La donna elettrica»

image_pdfimage_print

LA DONNA ELETTRICA

REGIA: Benedikt Erlingsson

CAST: Halldóra Geirharðsdóttir, Jóhann Sigurðarson, Juan Camillo Roman Estrada, Jörundur Ragnarsson

SCENEGGIATURA: Benedikt Erlingsson

FOTOGRAFIA: Bergsteinn Björgúlfsson

MONTAGGIO: David Alexander Corno

MUSICHE: David Jónsson

Commedia, 101 minuti

 

Pochi giorni prima delle feste di Natale e dell’arrivo dei film più attesi del periodo in cui gli italiani vanno maggiormente al cinema (ormai, forse l’unico in cui lo fanno davvero), è uscita quasi alla chetichella una curiosa commedia gentilmente surreale ambientata nelle immensità paesaggistiche islandesi e con protagonista quella che potremmo definire un’ecoterrorista: La donna elettrica dell’islandese Benedikt Erlingsson.

La missione di Halla è chiara fin dalla primissima sequenza. La incontriamo infatti mentre fa saltare un pilone della luce, uno di quei segnali della presenza umana che fa capolino nella vastità delle sublimi e immense colline dell’isola dei ghiacci. Il sabotaggio blocca – veniamo presto a sapere non per la prima volta – le attività di una fonderia essenziale per l’economia del Paese, in un periodo fra l’altro in cui il Governo è vicinissimo a un accordo economico con i cinesi, e fa saltare la corrente a mezzo Stato.

Le azioni della pasionaria ecologista diventano così un caso politico che tiene l’opinione pubblica e le autorità in allarme, continuamente citato e dibattuto nei talk show, per strada e negli spogliatoi della piscina e con la protagonista sempre più considerata alla stregua di un estremista islamico o di Anders Breivik.

A prima vista Halla è una donna di mezz’età come tante che non darebbe mai l’impressione di essere una Giovanna D’Arco; ha sì i poster di Gandhi e Nelson Mandela appesi in salotto e ha certamente atteggiamenti che nel malato dibattito politico nostrano probabilmente sarebbero definiti “radical chic”, ma non farebbe mai pensare di avere una doppia vita di radicale e coriacea attivista. Insegna canto alla comunità, ha una stralunata gemella appassionata di buddismo e sogna di adottare la figlia che non può avere.

Un dualismo quindi tra la vita quotidiana come tante, con i desideri, le sofferenze e le stravaganze del caso, e un altrettanto quotidiano attivismo sostenuto da una visione assoluta, radicale e, almeno inizialmente, manichea dello stato di salute del pianeta e della necessità di salvaguardare l’equilibrio naturale.

Questo dualismo, che del resto ricorre declinato in vario modo in tutto il film, è sostenuto dal tono gentilmente surreale che continuamente mette in discussione il naturalismo di fondo. Come tipico di molte commedie scandinave, anche se La donna elettrica è molto meno cinica di altri esempi di black comedy realizzate nei pressi del Circolo Polare Artico (per fare esempi, Forza maggiore dello svedese Ruben Östlund, In ordine di sparizione del norvegese Hans Petter Moland e LFO dello svedese Antonio Tublén), l’umorismo laconico e la stravaganza di molte sequenze e personaggi creano un’atmosfera sottilmente paradossale con la quale realtà sociali e atteggiamenti umani vengono in qualche modo estremizzati e messi in discussione.

Nel film di Erlingsson fondamentali da questo punto di vista sono i tre musicisti e le tre coriste che accompagnano le azioni della protagonista, come fossero un coro da tragedia greca che si esprime con la musica e che solo Halla può vedere. Presenti quasi in ogni sequenza, sono un po’ commentatori di ciò che accade, un po’ angeli custodi della protagonista e un po’ simboli dello sdoppiamento e della crisi di cui è vittima.

La crisi è dovuta in parte a motivazioni private – lo scontro tra desideri intimi e desideri politici, cioè tra i due “io” del personaggio – e in parte ai dubbi che nascono sull’effettiva utilità delle sue azioni. Nasce, e qui sta l’aspetto più politicamente interessante del film e il motivo per cui il regista non parla da un piedistallo ed evita prediche e moralismi pur accennando chiaramente la sua posizione, il dubbio che lo stato delle cose e lo stile di vita radicato siano allo stesso tempo pericolosi e irrinunciabili. Che combatterli in maniera radicale creerebbe nell’immediato più problemi che soluzioni.

Halla è quindi come una vittima, colpita fino all’interiorità più intima, di questo nodo decisivo della contemporaneità, presente, grazie a uno di quei collegamenti che uniscono film diversi, anche nel nostrano Troppa grazia di Gianni Zanasi, altra visionaria (e irrisolta) commedia sulla contemporaneità, sul rapporto con la natura e sui suoi aspetti più ambigui e problematici. Halla è la prima vittima di uno sviluppo industriale talmente radicato e considerato ovvio da aver nascosto la sua pericolosità offrendo una quotidianità irrinunciabile.

E la natura? È in realtà la “dea ex machina” de La donna elettrica, allo stesso tempo protetta da e protettrice di Hella (sono gli elementi naturali che danno alla donna rifugio, salvezza e nascondigli durante le sue fughe) e capace nel beffardo e paradossale finale di accennare cosa è capace di fare al momento di presentare il conto.

About Edoardo Peretti

Edoardo Peretti è nato nel 1985 sulla sponda lombarda del Lago Maggiore ed è stato adottato da Torino negli anni dell'università. Laureato in storia contemporanea collabora, come critico e giornalista cinematografico, con periodici on-line e cartacei (Mediacritica, Cineforum, L'Eco del nulla, Cinema Errante e Filmidee sono le principali collaborazioni). Ha lavorato per festival ed enti del settore e cura rassegne ed eventi, in particolare con l'Associazione Museo Nazionale del Cinema e con l'associazione Switch On.

Vedi tutti i post di Edoardo Peretti