La deriva fascista e l’antifascismo necessario

image_pdfimage_print

L’antifascismo non è negoziabile e non è una opinione fra le molte: l’antifascismo è il fondamento della Repubblica nata dalla Resistenza, ne esprime l’essenza, ne costituisce i pilastri portanti, attraversa tutta la Costituzione come legge suprema e progetto di società (https://volerelaluna.it/allarmi-son-fascisti/2022/05/05/contro-il-fascismo-vecchio-e-nuovo/).

La prepotenza del Ministro dell’Istruzione Valditara nel rispondere alla preside Savino, lungi dallo smentire la «deriva fascista e autoritaria» se mai la conferma, e si aggiunge alla mancata condanna, che avrebbe dovuto essere inequivocabile e immediata, degli attacchi squadristi nei confronti degli studenti fiorentini. È l’ultimo di una serie di segnali preoccupanti. Mi limito a ricordare, sul piano legislativo: a) il decreto-rave (decreto legge n. 162 del 2022), con la sua arrogante noncuranza per principi basilari dello Stato di diritto, il cui lascito è un nuovo reato – l’art. 633 bis codice penale – teso, anche se modificato, a stigmatizzare, oltre che punire, manifestazioni alternative e dissenzienti; b) il decreto legge n. 1 del 2023, una norma-bandiera contro i migranti e contro la solidarietà, dagli evidenti profili di incostituzionalità; c) la crociata contro il reddito di cittadinanza e una legge di bilancio dall’impronta classista. Si agisce sul dissenso, sui migranti (razzismo), sul conflitto sociale.

I provvedimenti e le politiche citate si inseriscono quindi nel nazionalismo conservatore, autoritario e neoliberista del discorso del 25 ottobre 2022 di Giorgia Meloni alle Camere (https://volerelaluna.it/controcanto/2022/10/27/giorgia-meloni-il-destino-della-nazione-e-il-marchio-del-fascismo/) e riecheggiano nella distorsione e rivisitazione della storia, come nell’arroganza irrispettosa di ogni senso delle istituzioni democratiche (a partire dalle esternazioni del presidente del Senato Ignazio La Russa).

Si precisa: non vi è discontinuità rispetto alle legislazioni precedenti in tema di sicurezza, che, da anni, restringono gli spazi del dissenso, così come rispetto alle politiche di esternalizzazione e chiusura delle frontiere, e nemmeno in relazione al rispetto di un’agenda neoliberista e di posizioni atlantiste. Tuttavia, rievocazioni storiche distorte e politiche sempre più apertamente autoritarie e razziste, fanno paura. Consideriamo che si innestano in un contesto di crisi e disagio, nel dilagare di un’apatia e un’acquiescenza favorite da un sistema politico che non propone alternative, con il supporto di un’informazione prona e una neutralizzazione del senso critico: c’è di che preoccuparsi.

In un Paese democratico e antifascista, le parole della preside Savino (https://volerelaluna.it/allarmi-son-fascisti/2023/02/23/chiamare-il-fascismo-con-il-suo-nome/) devono essere sentite come proprie da ogni cittadino e dalle istituzioni: l’antifascismo deve essere pratica quotidiana nella costruzione di una democrazia pluralista, conflittuale e sociale.

Gli autori

Alessandra Algostino

Alessandra Algostino è docente di Diritto costituzionale presso l’Università di Torino. Fra i suoi temi di ricerca: diritti, migranti, lavoro, democrazia, partecipazione e movimenti, rapporto fra diritto ed economia, pace. Fra i suoi libri e saggi: "L’ambigua universalità dei diritti. Diritti occidentali o diritti della persona umana?", Napoli, 2005; Democrazia, rappresentanza, partecipazione. Il caso del movimento No Tav, Napoli, 2011; "Diritto proteiforme e conflitto sul diritto", Torino, 2018; "La partecipazione dal basso: movimenti sociali e conflitto", in Quaderni di Teoria Sociale, n. 1/2021; "Genere ed emancipazione fra intersezionalità e dominio: una riflessione nella prospettiva del costituzionalismo", in Uguaglianza o differenza di genere? Prospettive a confronto, Napoli, 2022; "Pacifismo e movimenti fra militarizzazione della democrazia e Costituzione", in Il costituzionalismo democratico moderno può sopravvivere alla guerra?, Napoli, 2022.

Guarda gli altri post di: